Caos treni in tutto il Veneto, berti: "Figuraccia inaccettabile"

Il capogruppo del Movimento 5 Stelle in consiglio regionale: "Così paghiamo le battaglie personali del premier Matteo Renzi"

Treni sovraffollati (archivio)

VENEZIA “Pendolari abbandonati in stazione, convoglio soppressi, treni prima inseriti in fascia garantita e poi fermati senza alcun preavviso. È andata in scena venerdì mattina in tutto il Veneto l'ennesima figuraccia delle Ferrovie, che non sono state in grado di gestire uno sciopero del personale”. A denunciarlo Jacopo Berti, capogruppo del Movimento 5 Stelle in consiglio regionale.

Molti treni dell'ora di punta mattutina – secondo la segnalazione di Berti - sono stati fermati nonostante Trenitalia avesse assicurato l'inserimento nella fascia garantita: centinaia di pendolari, ad esempio, si sono trovati sulla banchina della stazione di Padova senza sapere più cosa fare e dove andare. Le biglietterie dei bus sono state prese d'assalto, mentre l'intero assetto regionale piombava nel caos.

"L'odissea dei pendolari non finisce mai – tuona il capogruppo - Non lo accetto, mi batto da sempre per i pendolari e non mollo un centimetro fino a che a queste persone, che sono il motore del Veneto che lavora, non sarà garantita la possibilità, semplicemente, di andare al lavoro”. “Nel caso specifico la situazione è ancora più grottesca perché veniamo a pagare le battaglie personali di Renzi – rivela Berti - il caos scoppiato nelle ferrovie a seguito dei suoi giochi di poltrone ricade sui veneti che lavorano. Questo è inaccettabile. A noi non interessa se nel Cda di Fs debba andare un amico della Boschi o se la società deve esser privatizzata. A noi interessa andare a lavorare, sapere che arriveremo in ufficio o in fabbrica in orario, e che potremo tornare a casa per cena". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • Esplode una granata nel garage di casa, 19enne trasportato in ospedale

  • Chiama la polizia per far multare le auto in sosta, ma alla fine a essere sanzionato è lui

Torna su
TrevisoToday è in caricamento