Scontri in fabbrica: arrivano i Carabinieri, ma è solo un film

Intervento dei Carabinieri sul set della fiction "La Tempesta". Militari allarmati dalla segnalazione di tre passanti, ignari che si trattasse di una finta protesta

Passanti e Carabinieri ingannati da una finta protesta. E' successo martedì 30 ottobre a Casier, all'esterno delle fabbrica di porcellane "Tognana", durante le riprese della fiction "La Tempesta".

Secondo quanto riportato dal blog Break up press news, tre uomini, diretti allo stabilimento e completamente ignari della presenza di attori e registi, si sono imbattuti in un gruppo di manifestanti che, armati di striscioni e circondati da bidoni della spazzatura rovesciati, tentavano di occupare la fabbrica.

Impauriti e preoccupati, i tre hanno fatto marcia indietro e avvisato i Carabinieri di quando stava accadendo. I militari si sono quindi precipitati nella sede della "Tognana" a sirene spiegate ma anziché operai sul piede di guerra, si sono trovati di fronte gli attori Nicole Grimaudo, Ennio Fantastichini, Nino Frassica, Giovanni Scifoni e oltre duecento comparse, circondati da cineprese, fari, microfoni e cavi.

Rassicurati del fatto che non era in corso alcuna manifestazione, i Carabinieri si sono congratulati con la produzione de "La Tempesta" per la fedeltà della riproduzione alla realtà e hanno fatto ritorno in caserma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Cade dalla sedia della sua cameretta, bimbo di nove anni grave all'ospedale

  • Esce per un controllo delle lepri: muore stroncato da un infarto

  • Sfreccia a 127 km/h con il suo bolide: il limite era 50 km/h

Torna su
TrevisoToday è in caricamento