Travolge con un muletto un collega e gli maciulla un piede, condannato

Vittima dell'incidente sul lavoro, avvenuto per un tremendo "scherzo", un 34enne (rimasto invalido) che ha dovuto subire ben 15 interventi chirurgici per non perdere il piede

Un muletto, foto archivio

Travolto per uno scherzo di pessimo gusto giocatogli da un collega, che lo ha travolto con un muletto spaccandogli le ossa di un piede. Solo il tempestivo intervento dei sanitari lo ha salvato dall'amputazione ma oggi l'operaio 34enne, che ha subito la bellezza di 15 interventi chirurgici, è costretto a vivere con una pensione di invalidità di poche centinaia di euro al mese. Per quei fatti stamattina sono stati condannati Davide Franchin, il collega che lo ha "investito" con il muletto e Raffaele Ercolini, il rappresentante legale della cooperativa "La Cattolica". Per loro il giudice ha emesso una sentenza rispettivamente di 2 mesi e 12 mila euro di multa e 300 euro di ammenda. Alla vittima è stata accorata una provisionale di 25mila in attesa della definizione del risarcimento del danno in sede civile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'incidente è avvenuto nella sede distaccata di Dosson della cooperativa il 10 dicembre del 2014. Stando alle indagini  Franchin avrebbe iniziato a girare intorno all'operaio con il muletto  per scherzo, divertendosi ad avvicinarsi all'operaio di scatto, frenando il mezzo a pochi passi dall'uomo. Impaurito il trentaquattrenne avrebbe chiesto più volte al collega di smetterla fino a quando non si è verificata la tragedia. L'uomo alla guida del muletto ha perso all'improvviso il controllo del mezzo finendo con le ruote sopra il piede dell'operaio, maciullandolo completamente. I due imputati sono finiti davanti al giudice dopo essersi opposti a un decreto penale di condanna da 4 mila 500 euro in sostituzione dei due mesi di reclusione. Al rappresentante legale è stata contestata la violazione delle norme di sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento