Un mese di latitanza e fuga coi mezzi pubblici, catturato all'ora di pranzo a casa della sorella

Avrebbe dovuto scontare un anno e un mese di reclusione ma quando ha incominciato a capire che per lui non ci sarebbe stato un futuro in libertà è fuggito e si è reso irreperibile...

PAESE Avrebbe dovuto scontare un anno e un mese di reclusione ma quando ha incominciato a capire che per lui non ci sarebbe stato un futuro in libertà è fuggito e si è reso irreperibile. All'italiano 58enne della castellana doveva ancora essere di fatto notificata la sentenza di incarcerazione per l'accusa di truffa e insolveza ma per un mese si è nascosto in ogni dove. Era di fatto introvabile e quando gli uomini dell'arma dei carabinieri di Castelfranco lo rintracciavano lui abilmete eludeva la sua presenza anche con l'aiuto dei mezzi pubblici.

Una ricerca durata un mese poi la cattura. Suonano a casa della sorella, presso un'abitazione a Paese e lui era li che pranzava con la famiglia. L'uomo era finito in tribunale per delle truffe e insolvenze, millantando di essere un broker assicurativo operante nella Marca. Per lui ora - dopo un mese di libertà e latitanza - si sono aperte le porte della casa circondariale di Santa Bona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento