Si schianta con la moto contro un'auto, muore un 40enne

L'incidente alle 12.30 a Chiarano in via Magnadola. Lucio Eder Zuanazzi, di origini brasiliane, è morto sul colpo. Sul posto medico ed infermieri del Suem 118. Sulla tragedia indagano i carabinieri

Il luogo dell'incidente di Chiarano

Tragedia della strada poco dopo le 12.30 di oggi, venerdì, a Chiarano in via Magnadola, la strada provinciale 53. A scontrarsi un'auto, una Ford C Max guidata da una 55enne di Oderzo ed una moto Ducati 999 di colore rosso fiammante proveniente da Cessalto, con il centauro, Lucio Eder Zuanazzi, un 40enne di origini brasiliane, che è morto sul colpo. Lo straniero, che avrebbe urtato l'autoveuttura per poi colpire un cartello stradale, è stato scaraventato nel fossato che costeggia la strada e profondo circa 7 metri. Gli infermieri del Suem 118, giunti sul posto con ambulanza ed elicottero dopo essere stati avvertiti dalla 55enne, hanno cercato di salvargli la vita, purtroppo inutilmente. Sposato con Duda e padre di tre bambini di 16, 14 e un anno e mezzo, il 40enne lavorava nell'ambito dei contratti di cittadinanza a Jesolo e i suoi funerali non sono ancora stati fissati.In ogni caso, per gli accertamenti del caso sono giunti i carabinieri che ora indagano sulla vicenda e che hanno già sequestrato la Ford col l'obiettivo di ricostruire l'accaduto. Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco di Motta di Livenza. Si tratta della terza vittima della strada nella Marca negli ultimi cinque giorni.

52592500_363951604190173_3425966721914109952_o-2

WhatsApp Image 2019-07-12 at 14.01.11(1)-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la Ferrari del papà il figlio di mister Nice

  • Camionista trovato morto nel parcheggio del centro commerciale Arsenale

  • Lutto nel mondo del Prosecco: Orfeo Varaschin muore a 50 anni

  • Autotreno pieno di ghiaia si ribalta in strada: traffico in tilt

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

  • Fondi di caffè: non gettarli, ti sorprenderanno!

Torna su
TrevisoToday è in caricamento