Non solo massaggi: sigilli a un centro benessere di Conegliano

In manette tre donne cinesi. Chiusi quattro centri tra Mestre, Spinea e Conegliano. Le massaggiatrici offrivano anche pratiche di masturbazione

La Questura di Venezia

CONEGLIANO Il massaggio nove volte su dieci andava oltre. Per questo la clientela era prettamente maschile, e non sempre con problemi alla sciatica. La squadra mobile di Venezia giovedì mattina ha sequestrato quattro centri massaggi a luci rosse, tre in territorio veneziano e uno nella Marca. Gli investigatori sono riusciti a documentare che lì si praticava la prostituzione, dietro una vetrina in cui si promettevano solo trattamenti per il benessere e per il proprio relax.

Niente di tutto ciò: per questo sono scattate le manette per tre donne cinesi, tra cui una "mente"  e due collaboratrici, in grado di mettere in piedi un giro illegale di proporzioni piuttosto estese. Tant'è vero che i centri massaggi incriminati si trovavano in due casi a Mestre (in via Trento e in via Volturno), in uno a Spinea in via dei Mille e in un altro a Conegliano, in via Borgoporta. Anche sul fronte territoriale, dunque, si cercava di essere presenti in più realtà. Incrementando i profitti. Oltre una decina le prostitute finite nel giro, costrette a fornire i propri servizi intascandosi le briciole. Le loro "padrone", infatti, si prendevano circa il 70% dei guadagni, quando una seduta costava circa 50 euro. Il resto rimaneva a disposizione della sfruttata di turno. 

Le indagini sono scattate nel momento in cui un cittadino cinese si è presentato in questura chiedendo il rinnovo del proprio permesso di soggiorno. Si è dichiarato titolare di un centro massaggi su cui gli investigatori hanno deciso di concentrare la propria attenzione. Del resto sul web, in siti specializzati, ci si può imbattere in una pletora di annunci in cui si promettono performance incredibili. Tutto lecito, all'apparenza. Ma gli appostamenti degli investigatori, le  intercettazioni telefoniche e le dichiarazioni anche di qualche cliente hanno permesso di scoperchiare una piccola organizzazione che lucrava sulle prostitute.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quest'ultime oltre al massaggio canonico offrivano anche pratiche di masturbazione. Di ricevute fiscali poi (nemmeno per i massaggi leciti) nemmeno a parlarne. Al momento dei blitz delle forze dell'ordine tutte le ragazze sono state trovate in regola con il permesso di soggiorno. Vittime però di una rete illegale in grado di intascare circa 20mila euro a settimana a centro benessere. Del resto il via vai di clienti era continuo, visto che la voce evidentemente si era sparsa. Le tre arrestate devono rispondere di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione in concorso: si tratta di una 29enne domiciliata a Spinea, di una 35enne residente a Conegliano e di una 35enne domiciliata a Mestre. Non risultavano loro le titolari dei centri massaggi, affidati a dei prestanome, ma la squadra mobile, con la collaborazione anche di quella di Treviso, è riuscita a dimostrare che di fatto le gestrici erano loro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento