Le Stèle parlano: il ricordo dei Caduti tra il canto degli Alpini e la rappresentazione teatrale

L'appuntamento sabato 2 settembre alle 20.45 al Bosco delle Penne Mozze a Cison: è il primo evento aspettando il raduno Triveneto del Centenario che si svolgerà nel 2018 a Vittorio Veneto

CISON DI VALMARINO Aspettando il “Triveneto del Centenario” sarà il Bosco delle Penne Mozze di Cison di Valmarino ad ospitare il primo grande evento che servirà a creare la suggestiva atmosfera dell’attesa dell’adunata triveneta delle Penne Nere prevista per il 15,  16 e 17 giugno 2018 a Vittorio Veneto.

Una rappresentazione curata dal Comitato organizzatore presieduto dal presidente della sezione Ana di Vittorio Veneto Francesco Introvigne e nata da un’idea di Maurizio Casetta dal titolo che è già un programma: “….e le stèle raccontano” con la partecipazione del Coro Ana, del Coro Alpino Col di Lana e degli attori della Compagnia Teatro Orazero con la regia di Francesco Santin.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un evento in notturna, da brividi ed emozioni con le voci recitanti e i canti dei cori che “traspireranno” dall’oscurità del Bosco, tra le oltre 2400 stèle dei Caduti Alpini in tutte le guerre e servizio della provincia di Treviso e gli alberi del Bosco che  fanno loro compagnia. Non si vedrà nulla, ma si dovrà ascoltare perché come ha detto il presidente nazionale dell’Associazione Nazionale Alpini Sebastiano Favero: ”Il Bosco delle Penne Mozze è un atto d’amore, è il luogo della memoria per non dimenticare, sacro a tutti gli alpini che qui ritrovano i valori dell’essere Alpino”. Il concerto-rappresentazione, come spiegano gli organizzatori della sezione di Vittorio Veneto, vuole essere così un “invito al silenzio per cominciare ad ascoltare le voci di chi è andato avanti: valorosi in guerra, generosi in tempo di pace. Voci che nel Bosco delle Penne Mozze, risuonano alte nel silenzio, perché nel silenzio è fatto il loro operare, di silenzi e memorie…se solo vogliamo ascoltarle”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento