Collettivo ZTL in azione: occupata l'ex sede Enel a Porta Carlo Alberto

Venerdì mattina i militanti del noto gruppo trevigiano sono tornati in azione contro gli spazi abbandonati. Si attende la replica del Sindaco

Collettivo Ztl a Porta Carlo Alberto

TREVISO - Il Collettivo Ztl di Treviso torna in azione. Dopo un periodo relativamente tranquillo, nei giorni scorsi si era capito che i militanti non sarebbero stati ancora a lungo con le mani in mano quando hanno appeso sulle mura cittadine uno striscione in cui si avvisava l'amministrazione comunale di quanto mai prossime nuove occupazioni. 

Collettivo che proprio nella mattinata di venerdì ha deciso quindi di occupare l'ex sede Enel a Porta Carlo Alberto a Treviso, stabile di grandi dimensioni e abbandonato da circa una decina di anni e in attesa di un progetto di riqualificazione ad uso residenziale che stenta a partire nonostante l'approvazione già ottenuta in passato.

L'annuncio dei militanti è stato dato via twitter e subito sono stati molti i curiosi a presentarsi in zona per capire quanto stesse succedendo. Ora tutti aspettano la risposta dell'amministrazione comunale, soprattutto del Sindaco Manildo, più volte tirato in ballo da Ztl al suono dell'hastag twitter #manildostaisereno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

Torna su
TrevisoToday è in caricamento