Bimbo di due mesi morto per un rigurgito, la Procura indaga per omicidio colposo

Il piccolo Jerome, un bimbo di soli due mesi d'età, era stato colpito da un malore improvviso nella culla in cui stava dormendo. Poche ore più tardi il cuoricino del bimbo ha smesso di battere all'ospedale di Conegliano

Il tribunale di Treviso, foto archivio

La Procura della Repubblica di Treviso ha aperto un fascicolo di indagine sulla morte del piccolo Jerome, il bambini di soli due mesi morto nella notte tra venerdì e sabato scorsi per un malore probabilmente causato da un rigurgito. L'ipotesi di reato è quella di omicidio colposo. Il sostituto procuratore Giulio Caprarola, titolare delle indagini che al momento sono a carico di ignoti e che hanno preso il via dopo la denuncia presentata dalla famiglia del piccolo ai Carabinieri di Conegliano, ha disposto che sulla salma di Jerome venga effettuata l'autopsia.

Secondo la ricostruzione dei fatti erano da poco passate le due di notte di venerdì scorso 5 aprile quando al centralino del Suem 118 è arrivata una chiamata disperata da un appartamento di via Verdi a Conegliano. Il piccolo Jerome, un bimbo di soli due mesi d'età, era stato colpito da un malore improvviso nella culla in cui stava dormendo. Poche ore più tardi il cuoricino del bimbo ha smesso di battere all'ospedale di Conegliano dove era stato ricoverato d'urgenza.  La tragedia ha provocato grande cordoglio nel quartiere in cui vive la famiglia del piccolo. La coppia, di origini straniere, ha altri due figli di 13 e 3 anni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la Ferrari del papà il figlio di mister Nice

  • Camionista trovato morto nel parcheggio del centro commerciale Arsenale

  • Lutto nel mondo del Prosecco: Orfeo Varaschin muore a 50 anni

  • Autotreno pieno di ghiaia si ribalta in strada: traffico in tilt

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

  • Pullman per la gita scolastica non a norma: sequestrati dalla polizia stradale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento