Carne scaduta nelle cucine delle mense scolastiche: sequestrati 60 chili di alimenti

Controlli dei carabinieri e dell'Ulss in provincia di Venezia. La società, nata a San Polo di Piave, prepara pranzi per varie scuole del Veneto. Multe per oltre diecimila euro

La carne sequestrata

Confezioni di alimenti scaduti e privi di etichettatura sono state trovate dai carabinieri della compagnia di Chioggia all'interno del centro cottura dell'azienda Gemeaz Elior Spa (operante a Sottomarina, ma con sede legale a Milano ed origini trevigiane) che si occupa della preparazione dei cibi destinati a molte scuole della provincia di Venezia. I controlli sono stati effettuati lunedì scorso con l’ausilio del personale del dipartimento di prevenzione dell’Ulss 3.

Carne irregolare

I prodotti scaduti sono stati scoperti nel corso delle ispezioni a frigoriferi e congelatori collocati nei magazzini e nelle cucine: 14 confezioni di sovracosce di pollo da circa 2 chili l'una, 12 confezioni di hamburger di tacchino da 500 grammi, 5 di pizza da 2 chili l'una, 17 vasetti di yogurt da 125 grammi. Le date entro cui gli alimenti dovevano essere consumati variavano tra ottobre e dicembre 2018. Altre irregolarità riguardavano la provenienza di una parte della merce: 4 rotoli di arrosto precotto (6 chili totali) e una confezione di carne rossa cruda da quasi 5 chili erano sprovvisti di etichettatura e di documentazione fiscale/amministrativa sulla loro origine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Multe

Alla società è toccata una sanzione di diecimila euro per gli alimenti scaduti e un'altra di 1.500 per quelli sprovvisti di tracciabilità. Tutti i generi alimentari, per un peso totale di quasi 60 chili e un valore stimato di circa 700 euro, sono stati  sottoposti a sequestro e smaltiti. Venuta a conoscenza dei fatti, l'assessore all'Istruzione Isabella Penzo ha commentato: «È una cosa gravissima. Ci siamo attivati per chiedere alla ditta, che gestisce da anni il centro cottura informazioni dettagliate, per prendere i tutti i provvedimenti del caso». Per il sindaco Alessandro Ferro l'episodio «non è giustificabile nemmeno se gli alimenti fossero stati accantonati per lo smaltimento. È della salute dei nostri figli che stiamo parlando. Stiamo già facendo le nostre verifiche e ci riserviamo di procedere con tutte le azioni possibili».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento