Ramadan: controlli della Polizia contro atti di xenofobia

Si avvicina l'inizio del Ramadan e nella Marca si alza il livello di attenzione delle Forze dell'ordine, per prevenire atti xenofobi verso i luoghi di culto islamici

Tutto è pronto nella Marca trevigiana per l'inizio del Ramadan, il mese di preghiera dei discepoli di Allah, che si durerà da venerdì 20 luglio per un mese, fino al 19 agosto.

Sono oltre 60mila i musulmani che vivono stabilmente in provincia di Treviso. Per le preghiere si distribuiranno tra i venti centri islamici presenti, che negli ultimi 12 mesi sono cresciuti di quattro unità.

E anche la polizia trevigiana vigilerà sui luoghi di culto per sorvegliare possibili bersagli di iniziative xenofobe e garantire che tutto avvenga correttamente.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • @ roberto: sarà lo scopo di alcuni, non certo di tutti. così come non tutti i preti CRISTIANI sono pedofili

  • Avatar anonimo di roberto
    roberto

    loro bruciano le nostre chiese,si fanno saltare in aria colpendo innocenti,questo è il loro scopo

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Schianto fuori strada all'alba: morte due donne di 30 e 35 anni

  • Cronaca

    Controlli sulle autocertificazioni esenzioni ticket: irregolare il 43% degli utenti

  • Cronaca

    Feroce litigata al bar sfocia in un tentato omicidio: 45enne finisce accoltellato

  • Cronaca

    I Buranelli hanno i loro nuovi salici, Manildo: "Sono sani e belli e cresceranno coi cittadini"

I più letti della settimana

  • Tragedia a Cavrie, poliziotto della Questura si uccide

  • Dramma del male di vivere, 25enne si toglie la vita

  • Malore fatale uccide 45enne, lascia moglie e due figli di 7 e 9 anni

  • "Non posso abortire, è troppo tardi": Irina uccisa senza pietà dall'ex fidanzato

  • Gita notturna in pedalò sul lago di Revine, 18enne muore annegato

  • Brutta caduta durante la gara ciclistica: quattordicenne ricoverato d'urgenza in ospedale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento