Etichettatura degli alimenti e indicazioni d'origine: a Treviso il convegno nazionale

L’evento, promosso da CNA insieme all’Aiga (Associazione Italiana Giovani Avvocati), si terrà venerdì 16 marzo dalle 14.30 alle 17.30. Molti gli ospiti e i relatori chiamati a intervenire

TREVISO Venerdì 16 marzo CNA territoriale di Treviso promuove e ospita un convegno nazionale sull’etichettatura degli alimenti e le indicazioni di origine. L’iniziativa è promossa e organizzata insieme all’Aiga (Associazione Italiana Giovani Avvocati) di Treviso e con il patrocinio del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Treviso. Si terrà dalle 14.30 alle 17.30 presso la sede provinciale di CNA in viale della Repubblica 154.

È un tema caldissimo quello dell’etichettatura. Sono infatti entrati in vigore tre decreti su quattro di recente emanazione del governo italiano che introducono nuovi obblighi per le aziende italiane in tema di informazione al consumatore sull’origine delle materie prime di alcuni prodotti alimentari (latte, grano, riso e pomodoro) e l’obbligo di indicare in etichetta la sede dello stabilimento di produzione o, se diverso, di confezionamento. Sono indicazioni che si discostano da quanto previsto dal Regolamento UE in vigore e che potrebbero non essere da questo, un domani, recepire.Cosa devono fare le aziende italiane? Il convegno punta a chiare proprio i punti più controversi, e in particolare punterà i riflettori sui seguenti temi: il D.Lgs. n. 231/2017 recante la nuova disciplina nazionale sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del Regolamento (UE) n. 1169/2011; i recenti decreti ministeriali sull’indicazione di origine delle materie prime di alcuni prodotti alimentari; il decreto legislativo n. 145/2017 sulla reintroduzione dell’obbligo di indicare in etichetta la sede dello stabilimento di produzione o, se diverso, di confezionamento; la disciplina sul “made in Italy” e i limiti imposti dal diritto dell’Unione europea.

Sono previsti gli interventi di Valeria Pullini, avvocato dello studio legale Pullini di Vittorio Veneto, di Vito Rubino docente dell’Università del Piemonte Orientale, e di Gabriele Rotini, responsabile CNA Agroalimentare Nazionale. Introdurrà i lavori Giuliano Chies responsabile della Formazione e del Sindacale di CNA territoriale di Treviso, e porteranno il loro saluto gli avvocati Massimo Sonego, presidente COA Treviso, e Cristian Cremasco, vicepresidente Aiga Treviso. Modererà l’avvocato Giovanna Soravia dell’Aiga sezione di Treviso. Durante il convegno verrà inoltre presentato il nuovo libro del prof. Vito Rubino I limiti alla tutela del “Made in” fra integrazione europea e ordinamenti nazionali, edito da Giappichelli nel mese di novembre 2017.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Schianto contro un camion, dichiarata la morte cerebrale del 17enne

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • Esplode una granata nel garage di casa, 19enne trasportato in ospedale

  • La ghiacciaia: il bistrot realizzato in un bunker della Grande Guerra

Torna su
TrevisoToday è in caricamento