La Cooperativa Toniolo di Conscio festeggia i suoi primi 60 anni di attività

Dodici i Presidenti che si sono succeduti nella cooperativa che oggi conta 80 soci e da lavoro a oltre 100 persone per una realtà insostituibile per la crescita delle comunità locali nel discreto, ma efficace sostegno alle famiglie ed alle piccole imprese

Una foto di gruppo

CASALE SUL SILE La Cooperativa Giuseppe Toniolo nasceva il 6 gennaio 1957, grazie all’opera di 12 soci che iniziarono l’avventura, con primo presidente Silvio Rossi e al lavoro di tessitura di Don Pietro Pezzin, allora cappellano del paese. Domenica scorsa i soci, i collaboratori, i lavoratori, familiari e amici in tutto circa 250 persone, hanno festeggiato i 60 anni della Cooperativa Toniolo, che nel tempo è diventata una realtà insostituibile per la crescita delle comunità locali nel discreto, ma efficace sostegno alle famiglie ed alle piccole imprese. Dodici i presidenti che si sono susseguiti, con l’attuale Marcello Criveller, 82 i soci attuali e oltre 100 le persone impiegate nei punti vendita e nelle attività della cooperativa, capitanati dal Direttore Generale Cristiano Ianna.

La sede di Conscio è divisa in tre grandi reparti, il reparto alimentari (noto con il marchio Maxì) il no food ovvero il reparto del fai da te, del giardinaggio, agricoltura, hobbistica e l’area di raccolta cereali importante per i produttori agricoli che sempre di più collaborano con la cooperativa. Cooperativa Toniolo prese il via in un magazzino messo a disposizione da uno dei soci fondatori, Vittorio Zanata, a lungo presidente del sodalizio, con la gestione di macchine agricole e all'approvvigionamento di prodotti agricoli per l'attività dei campi. Una sfida ambiziosa in quei difficili anni del secondo dopoguerra. Da li è partito un lungo percorso, non sempre facile, attraverso il quotidiano impegno e con la massima attenzione verso chi è più debole o in difficoltà, ma con una visione imprenditoriale che ha portato la cooperativa a raggiungere gli obiettivi di oggi, festeggiati domenica nel 60 anniversario.

La Cooperativa Toniolo ospita, in alcuni spazi di sua proprietà ma gestiti da professionisti esterni, una banca, una farmacia, uno studio dentistico, una psicologa, un centro estetico, un centro polivalente per l’infanzia ed un bar ristorantino. Domenica è stata una giornata per ricordare soprattutto le molte persone che negli anni hanno creduto nella cooperativa, nel suo ruolo sociale e produttivo, nella buona ricaduta per la comunità, nell’obiettivo di “studiare ed attuare iniziative tendenti al miglioramento economico e sociale dei soci e delle loro famiglie" come recita lo storico statuto”. In particolare il ricordo è andato, fra i tanti benemeriti, al Sindaco di allora Gino Gasparini, con una targa e un ricordo consegnati alla figlia Rosetta, al cappellano di allora don Pietro Pezzin, con una targa e un ricordo consegnato ai nipoti, presenti alla festa.

Ospiti della giornata anche Franco Testa, campione di ciclismo (inseguimento) oro olimpico a Roma nel 1960 e argento a Tokyo nel 1964, che ha riportato alcuni aneddoti della Conscio anni ’60 e Marco Zabotti, esperto studioso della figura del Beato Giuseppe Toniolo, che ha tracciato una figura dell’economista e sociologo cattolico trevigiano, che dà il nome alla cooperativa. Le sfide future per la Cooperativa Toniolo si snodano sull’ampliamento dei servizi offerti al territorio, lo sviluppo di altri punti vendita nei territori vicini e sulla solidarietà, marcando così questo straordinario anniversario. Significativa in particolare che proprio in questi giorni in Cooperativa vi è stata la nascita dell’associazione “Il Cortile”, che vede l’unione di famiglie con ragazzi con disabilità, per avviare insieme un’esperienza di cogestione di un apposito centro diurno. L’associazione sarà presentata ufficialmente Domenica 29 Gennaio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Aneurisma fatale, muore dopo due mesi in ospedale: era appena diventato papà

Torna su
TrevisoToday è in caricamento