Coronavirus, giornalisti positivi al Corriere del Veneto: chiusa la redazione di Padova

Il Sindacato Giornalisti del Veneto si è subito mosso a difesa dei colleghi contagiati: «Questo dimostra che anche i giornalisti sono da considerarsi categoria a rischio»

Immagine di archivio

A causa del Coronavirus nelle ultime ore è stata chiusa, e sanificata, la redazione di Padova del Corriere del Veneto dopo che tre dei suoi giornalisti sono risultati positivi. Sottoposti a tampone, invece, un’altra decina. In questo caso l'esito è atteso entro la serata di venerdì e non si esclude che il numero possa crescere. Il Sindacato giornalisti Veneto ha quindi fina da subito voluto «esprimere solidarietà e vicinanza al Cdr e a tutti i colleghi che con senso di responsabilità e abnegazione si sono rimboccati le maniche per assicurare l’uscita in edicola del giornale».

«Tutti stanno lavorando da casa con mezzi propri o attrezzandosi rocambolescamente per far funzionare i programmi necessari sui computer aziendali che si sono portati a domicilio, facendo fronte al grave ritardo con cui l’azienda ha affrontato, nonostante i ripetuti solleciti, l’emergenza da Covid 19, non solo dal punto di vista delle dotazioni tecnologiche – al contrario di quanto affermato dal presidente Rcs Urbano Cairo a La7 intervistato da Lilli Gruber – ma anche dei dispositivi di protezione individuali (mascherine e disinfettante), arrivati solo ieri dopo che da una settimana una collega non ancora “tamponata” era in malattia con 38 di febbre» chiosa il sindacato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Questo caso di contagio, al pari degli altri che si sono verificati in tutta Italia – afferma Monica Andolfatto, segretaria regionale Sgv – dimostra che i giornalisti (dipendenti, collaboratori, free lance) sono da considerarsi categorie a rischio, che mettono a repentaglio la loro salute per garantire ai cittadini una corretta e costante informazione, bene primario e irrinunciabile, anche e soprattutto nel bel mezzo di questa drammatica emergenza sanitaria».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Runner scivola e precipita nel vuoto: muore 37enne

  • Ricerche sui terremoti, trevigiano premiato dall’ETH di Zurigo

  • Apre a Oderzo il Würth Store, negozio con oltre 5 mila prodotti professionali

Torna su
TrevisoToday è in caricamento