In kayak da Portobuffolè a Caorle: iniziata la discesa lungo le acque del Livenza

L'impresa folle e divertente di 51 appassionati di kayak che tra sabato e domenica percorreranno il corso del fiume Livenza cercando di arrivare uniti al traguardo sul mare di Caorle

Foto e video di Italo Benedet

PORTOBUFFOLE Sono ormai tre le edizioni consecutive raggiunte dalla Kayakkata, divertente e originale manifestazione sportiva partita nella giornata di sabato 22 luglio dal comune trevigiano di Portobuffolè.

L'impresa è tanto semplice da raccontare quanto impegnativa da portare a termine. Si tratta infatti di scendere lungo il corso del fiume Livenza a bordo di un doppio kayak in un viaggio che durerà ben due giorni, concludendosi domenica con l'arrivo dei partecipanti al mare. Ogni anno la manifestazione raccoglie sempre maggiori consensi e quest'anno sono stati addirittura 51 i temerari che hanno voluto prendere parte all'impresa. Niente male, se si considera che durante la prima edizione erano stati solo tredici i temerari iscritti. I viaggiatori pernotteranno nella notte tra sabato e domenica a Sant'Anastasio di Cessalto, salvo poi ripartire verso le foci del Livenza nella prima mattinata di domenica. Non c'è nessun premio in gara, lo spirito della discesa vuole essere semplicemente quello di unire un gruppo di partecipanti con la passione per il kayak, portandoli a compiere un'esperienza al contempo unica e indimenticabile. 

Potrebbe interessarti

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

I più letti della settimana

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

  • Si schianta con la bici contro un'auto sul Montello, 41enne in coma

  • Christian al giudice: «Non l'ho violentata, è stato sesso consensuale»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento