homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Coniugi uccisi a Gorgo: il figlio chiede 800mila euro di danni allo Stato

Daniele, il figlio dei coniugi Pellicciardi torturati e uccisi a Gorgo al Monticano, chiede allo Stato 800mila euro di risarcimento danni morali, appellandosi a una direttiva europea

Daniele Pellicciardi, il figlio dei coniugi Guido e Lucia, barbaramente torturati e uccisi da una banda di rapinatori il 21 agosto 2007 a Gorgo al Monticano, chiede un risarcimento danni di 800mila euro alla Presidenze del Consiglio dei Ministri.

Secondo quanto riportato dal quotidiano Il Gazzzettino, Pellicciardi, assistito dagli avvocati Alessandro Romoli e Maurizio Jacobi, sollecita l'applicazione di una direttiva europea del 2004 che obbliga ogni singolo Stato dell'Unione a costituire un fondo per aiutare le vittime di reati violenti volontari e i loro familiari. Un fondo che l'Italia non ha ancora istituito.

Per il duplice omicidio sono stati condannati l'albanese Naim Stafa e il romeno Alin Bogdaneanu, che dovrebbero risarcire il figlio delle vittime di un milione e 50 mila euro. Risarcimento che con tutta probabilità Pellicciardi non vedrà mai, perchè i due stranieri risultano essere nullateneneti.

Ma al danno si aggiungerebbe, secondo Pellicciardi, un'amara beffa: Stafa, con il falso nome di Jakupi, aspetterebbe 111mila euro dallo Stato per ingiusta detenzione. Cifra che i legali di Pellicciardi hanno cercato di incassare, ma è stato loro risposto che non vi è alcuna prova che Jakupi e Stafa fossero la stessa persona.

"Appellandosi a indecorosi cavilli - commenntano i due legali - lo Stato si è comportato in modo amorale".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Bambino disperso a Meduna: gli amici lo hanno visto mentre cadeva nel fiume

    • Cronaca

      Padrone prende a calci e pugni il suo pitbull: denunciato per maltrattamenti

    • Incidenti stradali

      Tamponato e schiacciato contro un camion: aperta un'inchiesta per omicidio stradale

    • Cronaca

      Il racconto illustrato del fumettista: "Io, nell'inferno nell'aeroporto di Istanbul"

    I più letti della settimana

    • Tamponamento tra due camion, traffico in tilt tra Tangenziale e Treviso-mare: un morto

    • Inferno sulla Treviso-mare, camper contro auto, un morto: traffico in tilt

    • Villa d'Asolo, schianto tra due auto all'alba, muore una 42enne

    • Tromba d'aria su Miane e Follina, alberi caduti, case e capanni scoperchiati

    • Infermiera di 48 anni muore dopo due settimane di agonia: fatale un incidente sulla Feltrina

    • Vespa contro bici in tarda serata a Ponte della Priula: muore un 60enne

    Torna su
    TrevisoToday è in caricamento