Denunciato un 60enne croato: in auto aveva cacciaviti, un'accetta e un piede di porco

Gli attrezzi sequestrati sono generalmente utilizzati per forzare le serrature. La polizia ha inoltre denunciato un 17enne trovato in possesso di un tirapugni e una ladra marocchina

Gli arnesi sequestrati

Nella giornata di giovedì, nell’ambito dei controlli straordinari del territorio disposti dal Questore e finalizzati al contrasto dei reati predatori, con l’ausilio del Reparto Prevenzione Crimine di Padova, sono state controllate complessivamente oltre 100 persone e più di 2000 veicoli mediante il Sistema Mercurio in dotazione ai mezzi della Polizia di Stato. In particolare, è stata identificata una cittadina marocchina che si è resa responsabile, insieme ad una complice, di un furto di profumi di marca, per un valore complessivo di alcune centinaia di euro, riuscendo tuttavia a scappare divincolandosi dagli addetti alla vigilanza del Tigotà, in Viale IV Novembre a Treviso.

Dopo aver inserito nella banca dati del Sistema Mercurio la targa del veicolo con il quale erano fuggite, le volanti son però riuscite a rintracciare il veicolo, identificando così una delle donne. A seguito del controllo di polizia son state rinvenute all’interno della sua borsa alcune confezioni di profumi, che la donna stessa ha sostenuto di non sapere di avere e che, probabilmente, le erano state messe all’interno della borsa dalla donna con cui effettivamente poche ore prima si era trovata al Tigotà, ma di cui non conosceva le generalità. Sono in queste ore comunque ancora corso ulteriori accertamenti volti alla completa identificazione degli autori del fatto e alla conseguente denuncia all’Autorità Giudiziaria. Inoltre, durante il servizio suddetto è stato denunciato per “possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere” anche un 17enne trevigiano che aveva con sé un tirapugni di metallo, acquistato tramite internet in Croazia, di cui non è stato in grado di giustificare il possesso.

Venerdì mattina poi, una volante, mentre transitava nei pressi del parcheggio dell’ospedale Ca’ Foncello di Treviso, ha notato tre soggetti sospetti a bordo di un’Audi A3 con targa croata. Decisi a fermarla ed a sottoporre gli occupanti ad un controllo, i poliziotti hanno raggiunto velocemente l’auto che stava transitando ad elevata velocità. I tre soggetti sono apparsi sin da subito particolarmente agitati e reticenti a fornire informazioni sulla loro presenza sul territorio, motivo per cui gli agenti, sospettando che potessero occultare qualcosa, hanno sottoposto il veicolo a perquisizione, rinvenendo numerosi attrezzi generalmente utilizzati per forzare le serrature. Sono stati così sequestrati diversi cacciaviti, un’accetta di 50cm, un piede di porco di 70cm e numerosi altri oggetti sospetti. Il conducente e proprietario del mezzo, il 60enne croato V.T., è stato infine denunciato per possesso ingiustificato di strumenti atti ad offendere.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autotrasporti: in arrivo i rimborsi per i costi delle patenti professionali

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: tre giorni di feste e divertimento

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

  • Schianto contro un'auto, grave motociclista 46enne

  • Come pulire la lavatrice: consigli per farla tornare come nuova

  • Furti da Coin ed H&M, due denunciati dalla polizia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento