Dimentica sul luogo del furto la sua "firma": arrestato romeno

Una banda di vampiri di gasolio sono stati arrestati dai carabinieri a Gaiarine. Uno di loro aveva lasciato la carta d'identità sull'auto usata per trasportare il carburante dalla ditta Segato

 

Ha lasciato sul posto dell'ultimo colpo una firma inequivocabile, con tanto di nome, cognome e indirizzo di casa. Ovvero la sua carta d'identità. Lo “sfortunato” ladro è un operaio romeno, S. O. B. di 23 anni, residente a Gorgo al Monticano. E' uno dei componenti della banda che qualche ora prima aveva assaltato i serbatoi della ditta Segato di via delle Industrie, ad Albina di Gaiarine. A casa del vampiro di gasolio sono state ritrovate le taniche di benzina ed era presente un forte odore di carburante. All'arrivo dei carabinieri l'uomo faceva di essere a letto a dormire.
I due complici, connazionali di 41 e 26 anni, era stati arrestati in flagranza mentre travasavano il gasolio e rubavano le batterie. Nell'auto dei due, una Renault Laguna con targa bulgara, hanno trovato la carta d'identità del terzo complice. L'azienda era stata al centro di numerosi furti nei mesi trascorsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

  • Attacco cardiaco porta via alla vita Maria Fernanda, giovane mamma 31enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento