Al pronto soccorso per una colica, accusa: "Dimenticata per ore"

Le denuncia è stata fatta da una 25enne di Conegliano. Arrivata in ospedale con dolori addominali, è stata dimessa dopo cinque ore e dopo averne passate due e mezza con un ago infilato nel braccio

L'ospedale di Conegliano

Ha passato cinque ore al pronto soccorso, due e mezzo delle quali con un ago piantato nel braccio. E' la denuncia raccolta dalla Tribuna di Treviso da una 25enne di Conegliano.

E' il 10 gennaio quando la giovane arriva al pronto soccorso della città con una colica addominale. Sono le 17.14 e le viene assegnato un codice bianco. Finalmente arriva il suo turno e alle 19.30 viene visitata e sottoposta ad alcuni esami clinici: non sembra nulla di grave, ma per precauzione i medici la invitano ad accomodarsi in sala d'attesa, con l'ago a farfalla ancora infilato nel braccio, nel caso fosse necessario fare altri esami del sangue, e la promessa che i risultati sarebbero arrivati presto.

Da quel momento il buio. La giovane aspetta fino alle 21, quando sollecita una risposta in accettazione, dove le rispondono che l'esito degli esami è negativo ma non la dimettono. Verso le 22 la 25enne ritenta e si trova di fronte un infermiere che, addirittura, non sa nulla del suo caso. A quel punto la paziente perde la pazienza e minaccia di togliersi l'ago da sola. All'accettazione non resta che rimuovere la "farfalla" e solo alle 22 passate la ragazza viene ricevuta da un medico, che ammette - secondo quanto riferito dalla 25enne - che si erano dimenticati di lei.

Solo allora la giovane scopre che l'esito degli esami cui era stata sottoposta era pronto da due ore. Sono le 22.21 quando viene dimessa, senza che nessuno si scusi per quanto accaduto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da parte sua il direttore generale dell'Ulss 7, Gian Antonio Dei Tos, chiarisce che il tempo d'attesa trascorso dalla ragazza al pronto soccorso è in linea con quanto previsto per i codici bianchi. Tuttavia procederà con una verifica per constatare la presenza o meno di comportamenti inadeguati da parte del personale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Scooter fuori strada contro un lampione: morta una 14enne

  • Si schianta con la moto contro un'auto: grave un centauro

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

Torna su
TrevisoToday è in caricamento