38enne aggredita alla stazione: torna l'incubo di via Dandolo

Nuovo episodio di tentata violenza ai danni di una donna, a Treviso. Una 38enne, lunedì sera, è stata presa alle spalle da un maniaco, nei pressi del sottopasso della stazione ferroviaria

Un maniaco l'ha presa alle spalle, intorno alle 21 di lunedì sera. Ancora una volta teatro dell'aggressione ai danni di una donna è la zona nei pressi del sottopasso della stazione ferroviaria di Treviso, dove lo scorso 24 ottobre una studentessa era stata violentata.

Una trentottenne trevigiana è stata aggredita lungo via San Zeno, all'incrocio con via D'Elisa, da un uomo incappucciato, non molto alto. L'aggressore ha palpeggiato le parti intime della donna, poi le sue urla lo hanno fatto desistere e, fortunatamente, si è dato alla fuga.

L'agguato è avvenuto dopo che la donna aveva parcheggiato l'auto e si stava recando a casa, con sé aveva una borsa e un pc portatile. La
donna, dopo essersi liberata dell'aggressore, ha trovato riparo presso un condominio lì vicino. I residenti hanno subito allertato i Carabinieri, che poco dopo sono giunti sul posto.

Intanto gli investigatori stanno visionando le immagini delle telecamere posizionate in zona e sarebbe già pronto l'identikit dell'aggressore, anche grazie alla testimonianza della trentottenne.

Potrebbe interessarti

  • Male incurabile, giovane mamma perde la vita a soli 44 anni

  • Palazzetto da intitolare a Sara Anzanello: l'opposizione abbandona l'aula

  • Il Ca' Foncello entra nel programma di ricerca dell'Università di Padova

  • Decano della ristorazione e re dei funghi, addio a Roberto Miron

I più letti della settimana

  • Preso a bastonate e soffocato con un cuscino: arrestate per omicidio

  • Si schianta contro un'auto con la Vespa, muore 45enne

  • Malore fatale nella notte, muore una 45enne

  • Malore fatale mentre fa jogging, stroncato da un infarto a 71 anni

  • Ferma la corriera e abbandona 55 bimbi in autogrill: «Vado a Jesolo»

  • Furgone si schianta contro un platano, due morti e un ferito grave

Torna su
TrevisoToday è in caricamento