Due iPhone rubati finiscono nella Marca Trevigiana, denunciati i possessori

Si tratta di un romeno di 26 anni e di un pizzaiolo di Maserada di 20, provento di furti nella Capitale e a Trieste. I due smartphone sono stati ritrovati dalla polizia grazie al codice Imei

Sono in possesso di due iPhone, ma la loro provenienza è un furto. Due smartphone rubati a Trieste e Roma sono finiti nella Marca Trevigiana, più precisamente in mano un romeno di 26 anni, residente a Cimadolmo e un 20enne di Maserada, pizzaiolo. La polizia trevigiana è risalita a loro due grazie al numero identificativo del cellulare, il cosiddetto Imei.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il primo ha detto di averlo comprato in Romania per 70 euro, ma in realtà era stato rubato nella Capitale qualche mese fa da un'abitazione. L'altro cellulare era invece stato rubato a Trieste e dato in regalo al pizzaiolo da una persona per sdebitarsi di un favore, che l'ha messo però nei guai. I due giovani sono stati denunciati per ricettazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento