Due iPhone rubati finiscono nella Marca Trevigiana, denunciati i possessori

Si tratta di un romeno di 26 anni e di un pizzaiolo di Maserada di 20, provento di furti nella Capitale e a Trieste. I due smartphone sono stati ritrovati dalla polizia grazie al codice Imei

Sono in possesso di due iPhone, ma la loro provenienza è un furto. Due smartphone rubati a Trieste e Roma sono finiti nella Marca Trevigiana, più precisamente in mano un romeno di 26 anni, residente a Cimadolmo e un 20enne di Maserada, pizzaiolo. La polizia trevigiana è risalita a loro due grazie al numero identificativo del cellulare, il cosiddetto Imei.

Il primo ha detto di averlo comprato in Romania per 70 euro, ma in realtà era stato rubato nella Capitale qualche mese fa da un'abitazione. L'altro cellulare era invece stato rubato a Trieste e dato in regalo al pizzaiolo da una persona per sdebitarsi di un favore, che l'ha messo però nei guai. I due giovani sono stati denunciati per ricettazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento