Scaricavano il secco di casa nei bidoni del cimitero: multe in arrivo per alcuni ecovandali

Partito anche a Volpago del Montello il progetto "Abbandoni zero" e già sono stati beccati i primi incivili che abbandonavano i propri rifiuti in aree comunali

VOLPAGO DEL MONTELLO Dallo scorso febbraio, anche a Volpago del Montello partito il progetto “Abbandoni zero”, attivato in tutti i 50 Comuni aderenti al Consiglio di bacino Priula, che prevede una serie di iniziative per contrastare gli abbandoni di rifiuto nel nostro territorio. Tra le varie misure intraprese (controlli sulle utenze attive che non hanno mai ritirato i contenitori o che non hanno mai svuotato il contenitore del secco residuo, oppure tramite l’utilizzo di sistemi di video sorveglianza), il Comune ha subito segnalato un’area sensibile in prossimità del cimitero, dove da tempo si verificavano frequenti abbandoni.

Gli addetti alla Vigilanza Ambientale hanno perciò iniziato una serie di monitoraggi puntuali dell’intera area con l’obiettivo di beccare gli ecovandali. Dopo pochi giorni di controlli, la Vigilanza Ambientale del Consiglio di bacino Priula è riuscita ad identificare un paio di persone che puntualmente utilizzavano i bidoni del cimitero per smaltire il secco domestico. Si tratta di soggetti residenti nel territorio, che pur avendo un contratto dei rifiuti regolarmente registrato, ritenevano in questa maniera di eludere il sistema tariffario. Ora gli autori degli abbandoni saranno sanzionati con una multa che potrebbe arrivare a 150 euro, un paradosso, considerato che i trasgressori individuati non avevano nemmeno sfruttato tutti gli svuotamenti già compresi nel servizio di raccolta.

Questo primo immediato risultato nel contrasto del fenomeno dell’abbandono di rifiuti è stato raggiunto grazie alla proficua collaborazione instaurata tra i vari soggetti coinvolti, che hanno unito le forze per invitare tutta la cittadinanza a prendersi cura del proprio territorio. Chi non lo fa e abbandona i propri rifiuti, prima o poi, viene “beccato” come ben dimostrano questi casi. “La collaborazione con il Priula, che ringraziamo per la viva attenzione e sensibilità dimostrata - in questi primi mesi di attività - alle esigenze espresse dai nostri cittadini, ha già ottenuto i primi importanti successi – ha dichiarato il Sindaco Paolo Guizzo. La sinergia delle forze in campo, compresa la nostra Polizia Locale è un passaggio fondamentale per l'efficacia del lavoro svolto in questo campo, un punto indispensabile del nostro modo di operare. Questo è solo il primo, importante passo di una lunga collaborazione che ha avuto e sempre avrà un unico obiettivo: rispondere nel modo più efficiente possibile alle esigenze dei cittadini”.

Potrebbe interessarti

  • Tumore incurabile, il sorriso di Tiziana si spegne a soli 44 anni

  • Cena di sushi, 12 intossicati: isolati due focolai di gastroenterite

  • Pranzo in pizzeria, famiglia scappa senza pagare il conto

  • Minorenni ubriachi: schiamazzi, urla e bestemmie davanti alla chiesa

I più letti della settimana

  • Tumore incurabile, il sorriso di Tiziana si spegne a soli 44 anni

  • Cena di sushi, 12 intossicati: isolati due focolai di gastroenterite

  • Infarto in casa, 50enne ricoverato in fin di vita

  • Nuova ondata di maltempo sulla Marca: sottopassi allagati e alberi caduti

  • Ritrovata l'anziana sparita da casa in bicicletta: era svenuta in una vigna

  • Giovane investito sui binari: in tilt la linea Venezia-Udine

Torna su
TrevisoToday è in caricamento