Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scaricava i rifiuti del suo ristorante in un camion di Contarina: denunciato

Il titolare di un locale di Montebelluna è stato sorpreso da un addetto della Vigilanza ambientale del Bacino Priula mentre cercava di scaricare in un camion i rifiuti del suo locale per non pagare gli svuotamenti. Oltre a una multa da seicento euro, scatterà anche la denuncia penale

 

Da tempo gli operatori di Contarina notavano strani accumuli di rifiuti nei pressi del mezzo compattante che durante i giorni di raccolta previsti staziona in un’area di sosta in via Delle Alte a San Gaetano.

Gli addetti alla Vigilanza ambientale del Consiglio di Bacino Priula hanno iniziato a monitorare la zona e, anche grazie ai sistemi di videosorveglianza mobile, lo scorso 24 aprile è stato individuato il responsabile degli abbandoni: si tratta del titolare di un ristorante della zona, che gettava i propri rifiuti all’interno del compattatore di Contarina. Il ristorante ha un regolare contratto attivo, ma risulta avere pochissimi svuotamenti del secco non riciclabile, che smaltiva in modo illecito gettandoli nell’automezzo. Oltre ad essere stato immortalato dalle videocamere mentre, in spregio alle leggi e al senso civico, scaricava circa un metro cubo di plastica e secco non riciclabile, il titolare del ristorante è stato colto in flagrante da un addetto della Vigilanza ambientale del Bacino Priula, appostato nell’area proprio per svolgere le indagini, che ha prontamente fermato il trasgressore intimandogli di non abbandonare i rifiuti, preannunciandogli la sanzione amministrativa.

Il direttore del consiglio di Bacino Priula, Paolo Contò, spiega che ora il trasgressore dovrà pagare una multa di 600 euro e sarà anche denunciato penalmente visto che l’abbandono è stato fatto da un’utenza non domestica. «A questo, si aggiunge anche la multa per il mancato rispetto delle attuali norme relative al contenimento del contagio da Coronavirus, che permettono gli spostamenti solo per precise motivazioni e l’abbandono di rifiuti, ovviamente, non rientra tra questi» conclude il direttore. Commenta il sindaco di Montebelluna, Marzio Favero: «E’ opportuno sottolineare come negli ultimi anni la lotta contro le strategie elaborate dal Bacino Priula per individuare i responsabili degli abbandoni dei rifiuti abbiano prodotto risultati importanti. Fondamentale è stato incrociare i dati delle utenze, cosa che ha portato a individuare chi non utilizzava correttamente i servizi di asporto dei rifiuti. Rimangono pochi “furbi” che per pagare meno adottano stratagemmi irregolari e su di loro le maglie del controllo si stanno stringendo portandoli alla progressiva identificazione. La domanda che sorge spontanea è: vale la pena adottare comportamenti illeciti i cui costi in termini di sanzione sono molto superiori al pagamento della normale tariffa? La risposta è evidente: no. Invio tutti questi soggetti a ripensarci e ad adottare comportamenti più responsabili che danno anche più soddisfazione sul piano morale personale”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento