Cala il sipario sull'Esercitazione triveneta del Centenario: successo oltre le aspettative

Successo oltre le aspettative per la “Esercitazione Triveneta del Centenario” che, nella giornata di sabato, ha visto impegnati ben 1200 volontari in dieci comuni della Marca

VITTORIO VENETO “Grande esercitazione, Bravi tutti!” Nelle parole del Coordinatore nazionale della Protezione civile dell’Associazione Nazionale Alpini, Gianni Gontero, c’è tutta la soddisfazione per quello oggi l’“Esercitazione Triveneta del Centenario”, ha rappresentato.

Un'esercitazione, quella di Vittorio Veneto, che ha superato ogni aspettativa: grandi numeri che testimoniano di come la Protezione Civile ANA, “braccio operativo” sul territorio della Grande Famiglia Alpina, sia sempre elemento di grande orgoglio”. Circa 1.200, infatti, i volontari di Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino ed Alto Adige, che si sono adoperati nei 24 cantieri formativi ed addestrativi dei 10 comuni del territorio di Vittorio Veneto: Miane, Follina, Cison di Valmarino, Tarzo, Revine, Vittorio Veneto, Cappella Maggiore, Sarmede, Colle Umberto e Cordignano, tutte le specialità operative della Protezione Civile ANA e della Colonna Mobile Nazionale ANA nel dettaglio i nuclei Logistico, AIB, Attività Subacquee, Sanitario, Alpinistico, Cinofilo, Idrogeologico, TLC e Segreteria, sono state impiegate nel corso della giornata, operazioni che hanno ricevuto il plauso anche del rappresentante del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile Federico Teodoro, giunto appositamente da Roma per seguire l’esercitazione. Prezioso e significativo l’intervento di circa 300 alunni dei distretti scolastici che insistono sulla zona dell’esercitazione, in quanto divulgare buone prassi di Protezione Civile è forse il modo migliore per fare prevenzione. Tutti gli obiettivi che gli organizzatori si erano posti nel documento di impianto sono stati acquisiti con gli ultimi cantieri che si sono chiusi solamente nel tardo pomeriggio.

Nella giornata di domenica il programma dell'Esercitazione è giunto al termine con la santa messa presso la cattedrale di Vittorio Veneto e dalla sfilata dei volontari partecipanti da Piazza Giovanni Paolo I a Piazza del Popolo. Grande soddisfazione per la riuscita dell’esercitazione e per i grandi numeri che la stessa ha fatto registrare, ma soprattutto un grande ringraziamento a tutti i volontari che hanno partecipato alle attività, per il loro impegno e per la loro professionalità è stato espresso dal Coordinatore Nazionale della Protezione Civile dell’Associazione Nazionale Alpini, Gianni Gontero, che ha consegnato tre targhe di riconoscimento all’Assessore Regionale alla Protezione Civile, al Presidente della Sezione ANA di Vittorio Veneto, Francesco Introvigne ed al Coordinatore della Protezione Civile del 3° Raggruppamento, Andrea Da Broi, per il suo grande impegno nell’organizzazione e nella conduzione dell’esercitazione. Importanti riconoscimenti ai volontari schierati in Piazza del Popolo anche da parte del Presidente Nazionale ANA, Sebastiano Favero. “La Protezione Civile dell’ANA è l’espressione di quella gente che fa le cose importanti che servono senza fare troppo rumore e senza chiedere niente a nessuno – ha detto, fra l’altro – Questi sono volontari veri, che operano sempre senza chiedere mai nulla in cambio. Tutti rivendicano diritti, ma dobbiamo ricordarci che esistono anche i doveri. Sappiamo di fare parte di una grande collettività. Voi della Protezione Civile ANA siete la grande forza, il grande messaggio, il messaggio che i nostri veci ci hanno lasciato. Dobbiamo e sappiamo credere nel futuro, e per fare questo dobbiamo spiegare ai nostri giovani i nostri valori. E questo lo possiamo fare perché ci siete voi!”. Uno spettacolo reso unico dalla magica presenza degli Alpini, protagonisti, dopo l'Adunata trevigiana, di un altro grande evento nella nostra provincia. 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Schianto contro un camion, dichiarata la morte cerebrale del 17enne

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • La ghiacciaia: il bistrot realizzato in un bunker della Grande Guerra

  • Esplode una granata nel garage di casa, 19enne trasportato in ospedale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento