Paga il gelato ma i soldi sono falsi: li ha avuti dagli zii

Due donne e un uomo hanno cercato di truffare un gelataio a Zero Branco. Hanno fatto pagare la consumazione al nipotino con una banconota da 50 euro falsa

Hanno cercato di truffare un gelataio ma sono stati scoperti.

A essere denunciati per spendita di banconote false, truffa e circonvenzione di incapace sono stati tre cittadini dell'Est Europa, due donne trentenni e un 28enne.

I tre avevano acquistato gelati e granite alla gelateria "Crema gelato" di Zero Branco, mandando il nipotino di 12 anni a pagare il conto, 5 euro, con una banconota falsa da 50 euro al gelataio.

Evidentemente i tre pensavano di poter ingannare il titolare della gelateria e ricevere il resto in denaro autentico. Ma l'uomo si è subito accorto che la banconota non era vera e ha contattato i carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I tre sono stati denunciati, tra l'altro, anche per circonvenzione di incapace, per aver usato il minore, nipote di uno dei tre, per raggirare il gelataio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Cronotachigrafo "truccato" e mezzo sovraccarico: camionista stangato

  • Macabro ritrovamento in serata: scoperto un cadavere vicino al Melma

Torna su
TrevisoToday è in caricamento