Felice Maniero a Silea, svelato il mistero: è un pensionato

Il Maniero sotto copertura, in realtà, è un innocuo pensionato. Il sindaco di Silea, Silvano Piazza, risolve il mistero della presenza di Faccia d'Angelo a Silea, smentendo le congetture dei venetisti

Un grande bluff. Si può archiviare così il polverone sollevato da Gianluca Busato, candidato sindaco per Veneto Stato a Silea, riguardo la presenza di Felice Maniero a Silea.

I militanti del movimento venetista, in un comunicato diramato ieri sera, avevano addirittura indicato lo pseudonimo con il quale l'ex boss della Mala del Brenta si sarebbe nascosto nella città della Marca.

Ma oggi il sindaco di Silea, Silvano Piazza, ha svelato l'arcano e confermato che dietro al nome e cognome riferito dai venetisti non si cela Faccia d'Angelo, ma un innocuo pensionato. Il nome, ha accertato l'ufficio anagrafe del Comune di Silea, è quello di ex dipendente pubblico, che non ha nulla a che fare con la Mala.

"Anche sotto il semplice profilo anagrafico - ha spiegato Piazza - sarebbe impossibile una corrispondenza fra questa persona e Felice Maniero".

Felicetto, nel frattempo, si è affrettato a ribadire, al quotidiano Il Gazzettino, che si trova ben lontano dal Veneto: "Diciamo ad almeno 500 chilometri di distanza".

"Nessuno - ha aggiuto Maniero - può pensare che sia così stupido da andare a vivere in zone dove mi possono riconoscere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Schianto contro un camion, dichiarata la morte cerebrale del 17enne

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • La ghiacciaia: il bistrot realizzato in un bunker della Grande Guerra

  • Esplode una granata nel garage di casa, 19enne trasportato in ospedale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento