domenica, 21 dicembre 11℃

Dopo Equitalia Veneto Stato punta alla villa di Dozzo

Il segretario nazionale di Veneto Stato ha annunciato la nuova iniziativa del movimento: una fiaccolata diretta all'abitazione dell'onorevole Dozzo

Redazione 10 gennaio 2012

Non si ferma la battaglia di Veneto Stato contro l'oppressione fiscale. Dopo il sit-in di protesta davanti alla sede di Equitalia di Treviso, lo scorso 7 gennaio, il movimento punta all'abitazione del deputato Giampaolo Dozzo. Lodovico Pizzati, segretario nazionale di Veneto Stato ha annunicato ieri la fiaccolata di sabato prossimo verso la villa dell'Onorevole.

"Il mandante dell'oppressione fiscale più alta dell'universo è il Parlamento italiano", ha dicharato Pizzati. Enti come Equitalia, quindi, sarebbero solo una maschera del vero oppressore: "Ora portiamo il conto a chi per decenni è stato complice di una politica disastrosa per noi Veneti", si legge nel comunicato stampa di Veneto Stato.

A indurre i militanti del movimento a dirigersi verso l'abitazione dell'onorevole Dozzo sarebbe stata  la mancata concessione di una sala pubblica a Quinto di Treviso. "Non è un'azione ad personam o mirata solo a un partito antagonista all'emancipazione veneta – ha spiegato Pizzati – Ma Dozzo fa il deputato dal 1994 e Bossi è senatore italiano dal 1987: un quarto di secolo! È giusto partire dal partito politico più anziano, che da più tempo è complice dei salassi fiscali che prosciugano risorse a noi Veneti".

Annuncio promozionale

"Avremo le forze dell'ordine al nostro fianco per tutelare il nostro diritto a scendere in piazza e dimostrare il nostro dissenso nei confronti di questa classe politica autoreferziale – ha concluso Pizzati –  È giunto il momento di riappropriarsi della sovranità politica".

Lodovico Pizzati
Quinto di Treviso
manifestazioni

Commenti