Fiamma Tricolore contro l'arrivo dei "falsi profughi" a Conegliano

Gianni Patete: "Pronti alle proteste con i residenti di Conegliano! Le procedure affaristiche del business del nuovo millennio sono rodate..."

CONEGLIANO Il Movimento Sociale Fiamma Tricolore si dichiara pronto e in prima linea contro il "regime che vorrebbe imporre l'ospitalità ai presunti profughi" nel comune di Conegliano. "Ormai le procedure affaristiche del business del nuovo millennio sono rodate... - afferma Gianni Patete di Fiamma Tricolore - un immobile sfitto, la cooperativa di turno, e il regime di Stato che regala denaro per la finta accoglienza di materiale umano. Merce umana senza documenti di riconoscimento e senza un certificato medico".

"Se non si pone un freno anche Conegliano dovrà risvegliarsi con problemi legati allo spaccio, alla prostituzione e all'accattonaggio molesto in cui i presunti profughi primeggiano. - continua Patete -  Si stanno immettendo decine di migliaia di immigrati che non possono essere assorbiti dal mondo del lavoro, già affetto da crisi occupazionale, oltretutto senza preoccuparsi di quale sia il destino di queste persone. In questo modo non si fa altro che aumentare la crisi sociale già in atto nelle nostre popolazioni, prendendo risorse con tasse a cittadini già impoveriti dalla crisi economica. Il Movimento Sociale sarà come sempre al fianco dei cittadini - conclude Patete - per ribadire il principio di legalità e della volontà popolare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Schianto contro un camion, dichiarata la morte cerebrale del 17enne

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • Esplode una granata nel garage di casa, 19enne trasportato in ospedale

  • La ghiacciaia: il bistrot realizzato in un bunker della Grande Guerra

Torna su
TrevisoToday è in caricamento