Furti di nidi in Trentino, arrestati due bracconieri trevigiani

L'indagine del Corpo Forestale provinciale e dei carabinieri porta alla luce un traffico di 10mila uccelli catturati e venduti al mercato nero. Coinvolti un 50enne di Godega e un 61enne di Vittorio Veneto, pizzicati con 83 esemplari

Uccellini pigolanti

Rapiti dal nido e rivenduti come uccelli da richiamo, o da esposizione. E' partita dalla Guardia Forestale provinciale del Trentino l'operazione antibracconaggio portata a termine con la  collaborazione dei carabinieri di Veneto, Toscana, Emilia Romagna e Lombardia. L'operazione ha permesso di scardinare un'organizzazione dedita al commercio di uccelli, nati in libertà e ridotti in cattività, nel mercato nero del Nord italia. Sette le persone arrestate.

Un giro che avrebbe assicurato ai bracconieri cifre importanti: tra i 250 ed i 300 euro l'uno, per un totale di circa 10.000 esemplari. L'indagine ha preso le mosse dall'arresto di un bracconiere a Meezzolombardo nell'autunno 2018. Un'attività completamente illecita, fin dalle modalità con le quali i bracconieri si procacciavano la "merce" da rivendere, andando a prelevare direttamente i nidi da boschi e vigneti. Gli uccelli venivano poi messi in scatole di cartone e rivenduti in tutto il Nord Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad essere arrestati (ora si trovano ai domiciliari) nell'ambito di questa indagine anche un 50enne di Godega, Alessandro Lavina, e un 61enne di Vittorio Veneto, Maurizio Pasini, pizzicati con 83 esemplari tra cui 16 tordi, 51 merli, 15 ciuffolotti e un crociere. I due sono accusati di aver acquistato, lo scorso 24 novembre, avifauna selvatica per poi rivenderla. La loro posizione è stata stralciata e trasmessa èer competenza alla Procura di Treviso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Nuova ordinanza di Zaia: «Mascherine solo al chiuso o a meno di un metro»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento