Pioggia torrenziale fa crollare 500 metri quadrati di giardino: famiglia miracolata

L'episodio è avvenuto nella notte tra mercoledì e giovedì in località Calvario a Cornanese, a soli 4 metri dalla struttura. Sul posto i Forestali, il Genio Civile e il sindaco Sacchet

Ben 500 metri quadrati di area verde franati all'improvviso nel pieno della notte, ovvero 1.500 metri cubi di terreno scivolati verso valle creando una immensa voragine intorno ad una abitazione sita in località Calvario di Corbanese di Tarzo. L'episodio è avvenuto nella notte tra mercoledì e giovedì a causa delle intense precipitazioni che quel giorno avevano colpito tutta la Marca. Ad accorgersi di quanto successo è stata la proprietaria di casa al mattino quando, uscendo in giardino, ha notato che a pochi passi da lei c'era il vuoto a causa di un fronte franoso di una ventina di metri di lunghezza. Come riportano i quotidiani locali, immediata è stata la chiamata al sindaco Vincenzo Sacchet che ha subito allertato i Forestali, il Genio Civile e i tecnici del Dipartimento difesa del suolo della Regione e della Provincia che hanno poi provvisoriamente coperto lo smottamento con dei teli per evitare ulteriori franamenti in caso di maltempo. Ancora poco chiaro però il motivo di fondo per il quale sia avvenuta la frana in quell'area, mai colpita da episodi di dissesto idrogeologico, tanto che è stato contattato un geologo esperto per cercare di meglio capire i rischi che corre ora l'intera zona. In ogni caso, per il momento, l'abitazione rimane agibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

Torna su
TrevisoToday è in caricamento