Sentenza di divorzio non registrata, bloccato il funerale

Il documento che attesta il divorzio non è stato registrato, quindi il funerale non potrà essere celebrato. Lo strano episodio accade a San Biagio

SAN BIAGIO DI CALLALTA — Il documento che attesta il divorzio non è stato registrato, quindi il funerale non potrà essere celebrato. Lo strano episodio raccontato dal Gazzettino accade a San Biagio di Callalta. A perdere la vita la settimana scorsa Renato Pellin, 55enne di Spercenigo, a causa di un malore.

L’ex moglie e i due figli, attualmente residenti a Udine, sono giunti in provincia di Treviso per il funerale, ma si sono trovati davanti a un ostacolo burocratico. Uomo e donna si erano sposati nel 1988, un lungo matrimonio fino alla decisione di divorziare nel 2006. La sentenza era stata emessa ma mai registrata, perciò ai comuni di residenza non risultava.

La famiglia di Pellin ha tentato di far velocizzare le pratiche ma ci vorranno almeno dieci giorni. Nel frattempo, la salma si trova all’obitorio di Treviso, in attesa della sepoltura. Alla famiglia di Pellin non resterà che attendere. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il piede diabetico: cure e trattamenti

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: fiere e mercatini accendono l'autunno

  • Virus incurabile, cantante trevigiana muore a 51 anni

  • Frontale tra auto lungo la Postumia: 5 le persone ferite, una è grave all'ospedale

  • Dispositivo anti telelaser in auto, maxi multa per un 32enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento