Funerali del rapinatore ucciso ad Altivole: cerimonia blindata

Venerdì pomeriggio l'ultimo saluto ad Albano Cassol, nomade 40enne di Fontanelle rimasto ucciso durante una rapina nel Vicentino

Albano Cassol

ALTIVOLE Ghirlande di fiori, solo parenti stretti. Una cerimonia blindata quella di venerdì pomeriggio ad Altivole per dire addio ad Albano Cassol, il nomade 41enne di Fontanelle morto durante una rapina in gioielleria a Ponte di Nanto, nel Vicentino, lo scorso 3 febbraio.

Il funerale, cui hanno potuto partecipare solo persone con legami di parentela, è durato poco più di mezz’ora tra ghirlande di fiori e corone. Presenti anche molte forze dell’ordine che hanno circondato la zona per scongiurare il pericolo che potessero verificarsi situazioni di tensione. La cerimonia, infatti, è stata inaccessibile a chiunque non fosse un componente delle famiglie legate a Cassol e persino alla stampa.  Albano Cassol era deceduto nel corso di una rapina in gioielleria durante una sparatoria.
 

Potrebbe interessarti

  • Male incurabile, giovane mamma perde la vita a soli 44 anni

  • Lutto tra le colline del prosecco, addio a Fabio Ceschin

  • Sorgenti del Piave, la commissione di esperti conferma: «Sono in Veneto»

  • Palazzetto da intitolare a Sara Anzanello: l'opposizione abbandona l'aula

I più letti della settimana

  • Preso a bastonate e soffocato con un cuscino: arrestate per omicidio

  • Si schianta contro un'auto con la Vespa, muore 45enne

  • Malore fatale nella notte, muore una 45enne

  • Malore fatale mentre fa jogging, stroncato da un infarto a 71 anni

  • Ferma la corriera e abbandona 55 bimbi in autogrill: «Vado a Jesolo»

  • Furgone si schianta contro un platano, due morti e un ferito grave

Torna su
TrevisoToday è in caricamento