Rubava le elemosine dalla chiesa: trentacinquenne denunciato dai carabinieri

Nella giornata di sabato i carabinieri di Pederobba hanno denunciato un trentacinquenne di Asolo ritenuto responsabile di due furti avvenuti presso la chiesa di Cavaso

CAVASO DEL TOMBA Era entrato in azione a inizio novembre e alla fine del mese di dicembre dell'anno scorso, mettendo a segno due furti alla cassetta delle offerte collocata nella chiesa della "Madonna della Salute", in località Caniezza nel comune di Cavaso del Tomba.

Due colpi a distanza ravvicinata che avevano lasciato in uno stato di grande sconforto la piccola parrocchia trevigiana. Da quel giorno, gli uomini delle forze dell'ordine si sono messi alla ricerca dell'autore di un gesto tanto vile quanto meschino e, nella giornata di sabato 28 aprile, sono riusciti a dare un nome e un volto al ladro di elemosina. Si tratta di un trentacinquenne residente ad Asolo con precedenti per delitti contro il patrimonio e in materia di stupefacenti. Nel corso di una perquisizione gli uomini dell'Arma gli hanno sequestrato un arnese modificato per forzare le cassette della chiesa e da lì sono risaliti ai due furti avvenuti nella chiesa della Madonna della Salute. Il trentacinquenne è stato denunciato per furto.

Potrebbe interessarti

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Vesuvio a rischio eruzione: il Veneto potrebbe ospitare i napoletani sfollati

  • Buona la prima: al Biscione in pista oltre 200 ballerini di tango argentino

  • L'estate incantata arriva a Treviso: cinema e spettacoli da luglio a settembre

I più letti della settimana

  • Astronave aliena atterra a Ca' Tron: il video fa il giro del web

  • Tragedia sul Piave, si tuffa in acqua e viene trascinato via dalla corrente

  • Travolto da un'auto mentre cammina a bordo strada, muore un 67enne

  • Sparito nelle acque del Piave, ore di angoscia per Nicola Bertoli

  • Grave incidente a Ponzano, cade con lo scooter: soccorso dal Suem 118

  • Semina il panico in città, poi punge con una siringa un carabiniere

Torna su
TrevisoToday è in caricamento