Università degli adulti e degli anziani nel mirino dei ladri: rubati 5 mila euro

Malviventi in azione nella notte tra martedì 20 e mercoledì 21 novembre. Svaligiata la cassaforte dell'università di Pieve di Soligo. Sulla vicenda indagano i carabinieri

Foto d'archivio

Hanno aspettato il buio della notte e, dopo essere riusciti a sfondare una porta blindata, si sono impossessati di tutti i soldi presenti all'interno della cassaforte. Un colpo da manuale quello messo a segno nella notte tra martedì 20 e mercoledì 21 novembre all'Università degli adulti e degli anziani a Pieve di Soligo.

La notizia è stata riportata dal sito "Qdpnews" che racconta come la scoperta del furto sia avvenuta solo nella mattinata di oggi, meroledì 21 novembre, quando i dipendenti dell'università si sono accorti che la porta blindata era stata forzata. Stando alle prime ricostruzioni dell'accaduto, la banda di malviventi avrebbe utilizzato prima un piede di porco per forzare la porta e successivamente un seghetto per aprire la cassaforte dell'università. Cinquemila euro il bottino del colpo con cui i ladri sono riusciti a fuggire nella notte. Il personale dell'università ha subito segnalato l'accaduto ai carabinieri che nelle prossime ore porteranno avanti le indagini per provare a risalire all'identità dei responsabili. Per l'università degli adulti e degli anziani un brutto colpo che ha fatto sparire in poche ore tutti i soldi raccolti con le iscrizioni per i tanti corsi proposti dalla struttura di Pieve di Soligo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento