Gita notturna in pedalò sul lago di Revine, 18enne muore annegato

Il natante è affondato, con Tommaso Corazza, vittoriese, c'era la fidanzatina 17enne che è riuscita a mettersi in salvo nuotando fino a riva e dando poi l'allarme. Sul posto i sommozzatori dei vigili del fuoco

REVINE LAGO Doveva essere una romantica gita notturna in pedalò, sul lago di Revine: si è trasformata nella più assurda delle tragedie. A bordo c'erano una coppia di fidanzati, lui 18enne di Vittorio Veneto, Tommaso Corazza, lei 17enne goriziana di Monfalcone, entrambi studenti dell'istituto steineriano di San Vendemiano: improvvisamente il natante, per cause in corso di accertamento, avrebbe iniziato ad imbarcare acqua quando si trovava al centro della riva a 200 metri dalla riva. La ragazza è riuscita a guadagnare la riva e a dare l'allarme. Erano da poco passate le 3.20. Tommaso Corazza purtroppo non ce l'ha fatta. Sul posto i sommozzatori dei vigili del fuoco di Venezia e squadre di Vittorio Veneto per il recupero della salma del giovane (avvenuta alle 9.30 di stamani) e i carabinieri di Vittorio Veneto che ora indagano sulla vicenda.

tommaso-corazza-2

Tommaso lo ricordano tutti come un genio nella musica e nello sport alla scuola steineriana di San Vendemiano. Un forte lutto per la famiglia del ragazzo. Nel dolore il padre Claudio, idraulico, la madre Paola, che lavora all'interno del consiglio d'amministrazione della stessa scuola steineriana, la sorella gemella Rachele e i fratelli maggiori Andrea e Giulio.

2017-03-25-PHOTO-00000964-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

Torna su
TrevisoToday è in caricamento