Principio d'incendio all'ex Polveriera di Volpago del Montello: sul posto i carabinieri

Paura nel tardo pomeriggio di domenica nei pressi della struttura destinata a ospitare l'arrivo di un nuovo gruppo di migranti. Alcune sterpaglie hanno preso fuoco a pochi metri dalla recinzione

VOLPAGO DEL MONTELLO L'ex Polveriera di Volpago torna al centro della cronaca dopo che un piccolo incendio è divampato domenica a pochi metri di distanza dalla recinzione del centro che dovrebbe ospitare l'arrivo di un nuovo contingente di migranti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le fiamme hanno interessato solo un piccolo mucchio di sterpaglie e non hanno recato danni alla struttura, ma sul posto sono comunque intervenuti i carabinieri di Montebelluna per fare luce sull'accaduto. Visti gli episodi che nelle scorse settimane avevano interessato l'ex Polveriera (atti vandalici, striscioni, cortei e proteste), gli uomini delle forze dell'ordine hanno ritenuto necessario accertare se le fiamme divampate domenica avessero origine dolosa. Una pista che molto probabilmente verrà scartata dal momento che sembra essersi trattato di un incendio nato e spentosi in maniera del tutto autonoma. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Covid 19, studio choc di un epidemiologo trevigiano:«Il vaccino? Forse è una chimera»

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

  • Legato e cosparso di benzina, folle lite in casa: indagano i carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento