Schianto frontale tra auto lungo la Postumia: due donne finiscono all'ospedale

L'incidente è avvenuto sabato mattina a Levada di Ponte di Piave. Entrambe le conducenti sono rimaste ferite nell'impatto. Sul posto i pompieri, il Suem e le forze dell'ordine

Un'immagine dei soccorsi

Terribile schianto tra una berlina ed una station-wagon quello avvenuto sabato mattina, verso le ore 7, in località Levada di Ponte di Piave. Le due auto stavano difatti percorrendo via Postumia quando si sono improvvisamente scontrate frontalmente per motivi ancora da chiarire. L'impatto è stato violentissimo, tanto che entrambi i mezzi hanno subito danni ingenti provocando il ferimento delle due conducenti. Ad avere la peggio la donna alla guida della station-wagon nera, che ha terminato la sua corsa in un profondo fossato a bordo strada, che è stata a lungo soccorsa sul posto dal Suem 118 e dai vigili del fuoco di Motta di Livenza per poi essere trasportata all'ospedale Ca' Foncello di Treviso, mentre la seconda ferita è stata poi ricoverata presso il nosocomio di Oderzo. Sul posto, per i rilievi di rito, anche le forze dell'ordine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

0f4ab6b2-cba5-415f-9664-f7225a67f31e-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Guarisce dal Coronavirus e lancia un appello ai giovani: «Evitate la movida»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento