Provoca un incidente e poi scappa perché senza patente: denunciato il "pirata"

La moglie aveva provato ad assumersi la colpa, presentandosi anche al pronto soccorso, ma gli agenti di polizia hanno scoperto il trucco e sanzionato pesantemente il colpevole

Dopo una lunga e attenta attività di indagine è stato individuato, dalla Polizia Stradale di Castelfranco Veneto, il conducente dell’Audi A4 che nella notte del 3 dicembre scorso, lungo via Ortigara a Padernello di Paese, aveva causato un incidente stradale con due feriti per poi darsi alla fuga a piedi. A farne le spese un uomo ed una donna che viaggiavano a bordo di un’autovettura Fiat Punto i quali, nel violento impatto contro l'auto, erano rimasti feriti e bloccati all’interno del loro veicolo gravemente danneggiato, tanto da venir successivamente trasportati in ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale di Treviso dove sono stati poi ricoverati.

Nella circostanza il conducente dell’Audi si era però dato alla fuga a piedi, omettendo di fermarsi e mettersi a disposizione delle Autorità competenti oltre che non prestare soccorso alle persone ferite. Nel corso della notte, presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Castelfranco Veneto, si era poi presentata una donna marocchina residente a Istrana dichiarando ai sanitari di essere stata coinvolta in un incidente stradale. Raggiunta quindi da una pattuglia della Polstrada, la donna ha riferito agli agenti di essere stata lei alla guida dell’Audi A4. Questa versione, però, sembrava non essere del tutto convincente in quanto i primi accertamenti eseguiti sul luogo dell'incidente sembravano poter smentire la versione della signora. Nel corso della mattinata la donna, accompagnata dalla madre, si è dunque recata presso gli uffici della Polizia Stradale di Castelfranco Veneto dove, messa di fronte alle gravi responsabilità penali cui rischiava di andare incontro nell’ipotesi di falsità dichiarate in merito alla gravi condotte tenute, ha probabilmente iniziato a riflettere sulle conseguenze e, dopo poche ore, si è ripresentata in sede con il marito, L.A., anch’egli marocchino e residente ad Istrana, che ha ammesso di essere stato in lui, in realtà, il conducente dell’Audi A4.

Lo stesso ha tentato di giustificarsi affermando che si era allontano dal posto perché colto da un attacco di panico e per paura delle conseguenze che ne potevano scaturire in quanto non aveva mai conseguito la patente di guida. Tuttavia, vista la scarsa credibilità dei soggetti presentatisi al Distaccamento, e nonostante l’auto denuncia del sedicente conducente, si sono resi necessari ulteriori approfondimenti di indagine per ricostruire esattamente la notte del soggetto in questione attraverso le testimonianze di tutti coloro che erano entrati in contatto con lui sia nelle ore precedenti che in quelle successive all’incidente, proprio per essere sicuri di potergli attribuire le importanti responsabilità per la condotta. Tutti gli accertamenti del caso hanno quindi consentito nei giorni scorsi, dopo oltre un mese di lavoro, di attribuire effettivamente il fatto al marito della signora presentatasi in prima battuta, tanto da denunciarlo alla competente Autorità giudiziaria per i reati di fuga ed omissione di soccorso. Al medesimo sono state altresì contestate molteplici sanzioni amministrative per violazioni alle norme di comportamento del Codice della Strada (dalla guida pericolosa, all’invasione di corsia) oltre alla guida senza patente perché mai conseguita, con anche il conseguente fermo amministrativo del veicolo risultato di sua proprietà, per complessivi 6 mila euro circa di sanzioni pecuniarie oltre a quelle penali di cui si è detto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Diabete e retinopatia, il prof. Bandello: "Siamo all'avanguardia, ma ancora pochi screening"

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

Torna su
TrevisoToday è in caricamento