Grave schianto tra due auto a Refrontolo, sei feriti

L'incidente è avvenuto poco dopo le 9 a Crevada in via Castellana. Sul posto ambulanze, automedica ed elicottero del Suem 118: un automobilista gravissimo al Ca' Foncello. Gli altri coinvolti trasportati a Vittorio Veneto e Conegliano

L'elicottero del Suem 118 in volo

Grave incidente poco dopo le 9 di oggi, giovedì, all'incrocio tra via Crevada e via Castellana. A scontrarsri due auto, un Nissan Qashqai e una VolksWagen Sharan: il primo mezzo è fuoriuscito da una laterale di via Crevada, via Castellana appunto, per essere travolto dal secondo veicolo che aveva nel frattempo invaso l'opposta corsia di marcia. In tutto sono sei i feriti tra cui cinque a bordo di un solo mezzo. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, due ambulanze, l'automedica ed un elicottero del Suem 118: un automobilista, M.L., cittadino marocchino di 60 anni, si trova ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Ca' Foncello di Treviso. Solo lievi lesioni per i quattro connazionali che erano con lui in auto. Gli altri automobilisti coinvolti sono stati trasportati al pronto soccorso degli ospedali di Vittorio Veneto e Conegliano. Sul posto per i rilievi di legge sono intervenuti i carabinieri. Il traffico in zona è rimasto a lungo bloccato.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento