Provoca un incidente e scappa, pirata della strada fermato dalla polizia locale

Gli uomini della locale di Treviso, guidati dal Comandante Tondato Maurizio, hanno immediatamente messo in campo tutte le risorse investigative e dopo meno di 2 ore avevano già individuato il responsabile

Foto: Archivio

TREVISO Una sola immagine ripresa dalla telecamera della zona che inquadra una Bmw cabrio color grigio, che poco dopo esser da lì transitata  provoca un incidente con gravi danni ai veicoli, per poi allontanarsi come se nulla fosse accaduto. Da questi elementi sono partiti gli agenti del comando di polizia locale di Treviso per rintracciare l'uomo alla guida della Bmw grigia che il 31 ottobre ha provocato un sinistro in via Mantiero e poi si è allontanato senza fermarsi. Per fortuna lo schianto non ha provocato feriti gravi. A bordo della vettura colpita c'era una donna di 37 anni di Treviso, che dopo l'urto, frastornata non ha fatto a tempo a leggere la targa del veicolo, che si dileguava verso viale Europa.

Gli uomini della Polizia Locale, guidati dal Comandante Tondato Maurizio, sul posto per i rilievi di legge, hanno immediatamente messo in campo tutte le risorse investigative e dopo meno di 2 ore avevano già individuato il responsabile del sinistro. Convocato presso il Comando, non è stato in grado di giustificare il suo comportamento.

Si è visto ritirare la patente, che sarà sospesa dal Prefetto per un periodo fino a 2 mesi, decurtata di 14 punti e comminare sanzioni per quasi 500€.
I sistemi di videosorveglianza implementati negli ultimi anni, e dedicati espressamente al controllo della viabilità, si stanno sempre piu' rilevando uno strumento fondamentale per contrastare il fenomeno dell'omissione di soccorso, o dell'allontanamento dal luogo del sinistro, sempre piu' frequente. Solo nel 2017, attraverso i sistemi di analisi del traffico, sono stati individuati 10 veicoli, i cui conducenti si erano allontanati dopo aver provocato il sinistro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ultimo caso trattato dalla polizia locale, la scorsa settimana, aveva consentito di individuare e denunciare l'autore di un sinistro che, dopo aver urtato un anziano ciclista, scaraventandolo in un fossato d'acqua, provocandogli gravi lesioni, si era allontanato senza prestare soccorso. Ironia della sorte, gli operatori della Polizia locale, non hanno potuto credere ai loro occhi quando si sono accorti che il conducente della Bmw cabrio, resosi protagonista del sinistro in via Mantiero era vicino di casa del conducente, investitore del ciclista, individuato la scorsa settimana.

“Ricordiamo che il codice della strada punisce severamente chi, dopo aver provocato un sinistro stradale, senza lesioni, non attempera all'obbligo di fermarsi e dunque fugge dal luogo del sinistro senza fornire i propri dati alla controparte, necessari per il risarcimento del danno, con importanti ripercussioni sulla patente - dichiara il comandante della polizia locale Maurizio Tondato - Più grave è l'evento di chi fugge dopo un sinistro, senza prestare soccorso a persona infortunata: in caso di lesioni gravi o morte,  il conducente resosi protagonista dell'evento, quando siano accertate gravi violazione alle norme del codice della strada, o l'accertamento dello stato di alterazione per assunzione di alcool o stupefacenti, sarà incriminato per il reato di lesioni stradali o di omicidio stradale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus, scomparso storico commerciante di ricambi d'auto

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • Coronavirus, addio al maestro di sci Silvio Baratto

Torna su
TrevisoToday è in caricamento