Insulti razzisti all'arbitro: sei mesi di squalifica per il dirigente

Angelo Scattolin del Biancade Carbonera è stato allontanato dai campi di calcio fino al 30 aprile 2019 per aver insultato pesantemente l'arbitro della partita contro Arcade

Foto tratta da Google Immagini

Sei mesi di squalifica dai campi di gioco per aver insultato pesantemente l’arbitro di colore Mamady Cisse, della sezione di Treviso, al termine della partita contro Arcade.

E' questa la pena che il giudice sportivo regionale ha inflitto nelle scorse ore ad Angelo Scattolin, dirigente del Morosini Biancade-Carbonera, squadra che milita nel campionato provinciale juniores. La vicenda, riportata da "Il Gazzettino di Treviso", risale alla partita giocata sul campo dell'Arcade calcio. Un match pieno di episodi difficili, culminati con l'espulsione dell'allenatore del Biancade-Carbonera. A quel punto il dirigente della società non ci ha più visto e ha iniziato a inveire in maniera molto pesante contro il direttore di gara, scaraventando a terra diverse borracce per scaricare la rabbia. I pesanti insulti e le volgari offese discriminatorie contro Cisse e la categoria degli arbitri in generale sono però costate care al dirigente trevigiano che dovrà tenersi alla larga dai campi di calcio fino al 30 aprile 2019.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento