Ladri in canonica durante la messa: rubati computer e offerte

Malviventi in azione domenica 6 gennaio durante la messa dell'Epifania a Casale sul Sile. I ladri sono riusciti a fuggire con la refurtiva. Sul posto i carabinieri

La canonica di Casale sul Sile (foto tratta da Google Immagini)

Hanno aspettato che iniziasse la messa dell'Epifania alle 9 del mattino, si sono introdotti in canonica attraverso una porta che non era stata chiusa a chiave e, una volta all'interno, hanno rubato computer e offerte dei fedeli senza che nessuno si accorgesse di nulla.

Quando don Daniele Michieli, parroco di Casale, è rientrato in canonica al termine della messa ha fatto l'amara scoperta ed ha subito chiamato sul posto i carabinieri. Ladri davvero senza scrupoli quelli che hanno colpito la parrocchia trevigiana in un giorno di festa come quello dell'Epifania. Ben consapevoli che parroco e fedeli sarebbero stati impegnati per un'ora durante la messa domenicale, i malviventi hanno potuto agire indisturbati concentrandosi su una cassetta piena di offerte lasciate dai fedeli e riuscendo anche a portar via due computer portatili. Gli uomini dell'Arma hanno subito avviato le indagini per provare a individuare i responsabili del furto che ha rovinato la fine delle festività natalizie nella parrocchia di Casale.

Potrebbe interessarti

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento