Le trovano attrezzi per lo scasso all'interno dell'auto: denunciata dalla polizia una 40enne

Grimaldelli, cacciavite, tronchesine, sono alcuni degli oggetti trovati nell'auto della donna

Gli attrezzi sequestrati

Nella mattina di giovedì 8 agosto, poco dopo le ore 7, gli agenti della polizia di Stato hanno rintracciato F.M., un cittadino italiano di 44 anni originario di Vercelli, al quale doveva essere notificato un divieto di ritorno nel Comune di San Martino di Lupari in provincia di Padova. L’uomo, a Verona per una visita, era alloggiato in albergo insieme ad una donna, le cui iniziali sono C.G., una 40enne trevigiana a carico della quale era stato emesso il medesimo divieto.

Le verifiche effettuate dagli agenti hanno consentito di far emergere, inoltre, un ordine di perquisizione disposto nei confronti dell’uomo dalla Procura della Repubblica di Udine lo scorso giugno. Gli agenti riferiscono di essere dunque intervenuti per procedere alla perquisizione personale e alla perquisizione della stanza d’albergo dove i due alloggiavano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I poliziotti rivelano di aver anche perquisito l'automobile di proprietà della donna, essendo che il 44enne di Vercelli avrebbe loro riferito di aver lasciato alcuni suoi beni all'interno del veicolo. L’ispezione effettuata dagli agenti avrebbe però portato alla luce numerosi utensili atti allo scasso: due grimaldelli, un cacciavite, due leverini, due tronchesine, una torcia, un taglierino, delle forbici, un paio di guanti di colore nero e uno scalda collo. Dopo aver notificato ad entrambi i decreti emessi dall’Autorità provinciale di pubblica sicurezza di Padova, la 40enne trevigiana C.G. è stata denunciata per il possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso. Alla donna, inoltre, sono state contestate alcune violazioni del codice della strada per le quali gli agenti hanno proceduto al ritiro della carta di circolazione. Gli agenti della Divisione anticrimine della questura scaligera, infine, hanno provveduto a notificare ad entrambi il divieto, disposto dal questore di Verona, di ritorno nel Comune scaligero per i prossimi tre anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento