Lavori per due milioni e mezzo, chiudono due linee ferroviarie

Dal 13 giugno al 19 luglio la circolazione sulla Conegliano - Ponte nelle Alpi e Ponte nelle Alpi - Calalzo sarà sospesa. Ci saranno dei bus sostitutivi

CONEGLIANO Due linee del Veneto, la Conegliano - Ponte nelle Alpi e la Ponte nelle Alpi - Calalzo saranno interessate da importanti opere di manutenzione ordinaria e straordinaria dell’infrastruttura durante il periodo estivo. Per consentire lo svolgimento dei lavori sarà sospesa la circolazione ferroviaria tra il 13 giugno e il 19 luglio. Tutti i treni regionali saranno sostituiti con bus.

I LAVORI Più nel dettaglio, i lavori prevedono, in una prima fase, il rifacimento delle canalette di deflusso delle acque piovane e di falda della linea Conegliano - Ponte nelle Alpi (gallerie Salsa 1 e 2), con rimozione del binario e risanamento della sede. Un intervento analogo a quello svolto nel 2013 nella galleria Vignetta per proteggere la massicciata ferroviaria dalle risalite di fango e dai limi argillosi trasportati dalle acque e garantire quindi il mantenimento nel tempo delle caratteristiche geometriche del binario. Verranno intraprese alcune opere legate al Piano degli interventi per la riduzione del rischio idrogeologico per l’intera rete ferroviaria nazionale e che - per la sola Direzione Territoriale Produzione di Venezia - prevedono un investimento complessivo di 7,9 milioni di euro, il 73% destinato alle linee del Bellunese. Sulla Conegliano - Ponte nelle Alpi si provvederà alla messa in sicurezza con reti paramassi delle pareti in trincea, intorno al km 15, e del versante a monte della sede ferroviaria fra il km 16 e il km 18. Inoltre,  saranno effettuate opere di sistemazione idraulica intorno al km 18. Analogamente, per la Ponte nelle Alpi - Calalzo, si procederà al consolidamento dell’imbocco nord della galleria Giaupa Ventosa, alla sostituzione di parapetti a servizio dei ponti ferroviari, al consolidamento di diversi muri di sostegno, alla demolizione di alcune ex case cantoniere pericolanti e alla prima fase della costruzione del nuovo sovrappasso pedonale nella località di Vara a Perarolo. Verranno eseguiti diversi interventi sull’armamento ferroviario. Infatti l’assenza di circolazione dei treni garantisce la possibilità di lavorare con continuità anche di giorno con notevoli benefici in termini di produttività, sicurezza del lavoro e rumorosità dei cantieri. Saranno sostituite le rotaie in alcuni tratti tra Ponte nelle Alpi e Calalzo, saranno rinnovati due scambi nella stazione di Ponte nelle Alpi, si procederà al rifacimento del manto stradale di tre passaggi a livello e al rinnovo del binario al Km 5 per la riduzione delle vibrazioni. Verranno eseguite le operazioni di verifica e sostituzione dei cavi che garantiscono lo scambio di informazioni tra i vari apparati della linea, di tutti i punti informativi del Sistema di Supporto alla Condotta *, degli apparati di sicurezza delle stazioni di Vittorio Veneto e di Santa Croce del Lago, degli apparati di alimentazione, dei circuiti dei binari, dei passaggi a livello, degli scambi e dei segnali.

La chiusura estiva delle due linee offre l’opportunità concentrare, anche sul versante tecnologico, molte attività di manutenzione ordinaria e straordinaria destinate a garantire un elevato livello di affidabilità dell’infrastruttura ferroviaria, riducendo in questo modo le necessità manutentive nei periodi di maggiore frequentazione. Nei cantieri sarà impegnata la quasi totalità del personale degli impianti di Belluno e parte di quello di Treviso, per un totale di oltre 25 addetti ai quali si affiancheranno le maestranze delle imprese appaltatrici. Investimento complessivo circa due milioni e mezzo di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento