Ladri in azione a Montebelluna: rubati i cimeli di Little Tony

Un gruppo di malviventi è riuscito a introdursi nella casa del collezionista trevigiano Roberto Valerio rubando 4 giacche e altrettanti occhiali appartenuti all'Elvis italiano

Foto tratta da Google Immagini

MONTEBELLUNA Ci sarebbe l'ombra del furto su commissione dietro al colpo che ha fatto sparire alcuni preziosi cimeli appartenuti a Little Tony dalla casa del collezionista Roberto Valerio a Montebelluna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riportato da "La Tribuna di Treviso" i ladri sarebbero entrati in azione alcuni giorni fa, riuscendo a introdursi industurbati nella casa-museo di Valerio, collezionista storico e grande amico dell'Elvis italiano. Nella sua abitazione di Montebelluna è custodita una collezione enorme di cimeli appartenuti al cantante di "Cuore matto": dalle Cadillac fino agli strumenti e ai vestiti di scena che Little Tony aveva indossato durante tutta la carriera. Un piccolo tesoro artistico ricevuto in eredità dal cantante nel 2013 dopo un'amicizia durata tantissimi anni che aveva portato Little Tony a diventare cittadino onorario di Montebelluna grazie a una proposta dell'amico collezionista. Fortunatamente i ladri entrati in azione nella casa di Valerio si sono accontentati di un bottino ridotto rispetto a tutti i cimeli che avrebbero potuto trafugare. Il bilancio della refurtiva è stato di quattro giubbotti e altrettante paia di occhiali appartenuti al cantante. Si sono salvate la collezione di orologi e un servizio di argenteria di grosso valore totalmente ignorati dai malviventi. Il collezionista ha subito segnalato l'accaduto ai carabinieri di Montebelluna che hanno aperto le indagini sulla vicenda nella speranza di poter risalire in tempi brevi all'identità dei responsabili. Per il momento però non vi è alcuna traccia né dei ladri né della refurtiva appartenuta al Cuore matto più amato d'Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento