Settantenne trevigiano ucciso a colpi di pietra a Comacchio

Un vivaista di 74 anni, originario della Marca, Luciano Spadari, è stato trovato morto a San Giuseppe di Comacchio, nel Ferrarese. Ucciso a colpi di pietra, l'uomo è stato trovato dal fratello

Mistero sulla morte di Luciano Spadari, vivaista di origini trevigiane, trovato morto a San Giuseppe di Comacchio, in provincia di Ferrara.

L'uomo, di 74 anni, non dava notizie di sé da giovedì. Ieri sera, poco prima delle 21, il fratello, preoccupato, era andato a cercarlo nel suo vivaio. E ha fatto la macabra scoperta.

Una scena che ha impressionato anche i Carabinieri, intervenuti dopo la chiamata del fratello della vittima: il volto di Spadari era devastato, i suoi abiti intrisi di sangue.

Secondo i primi rilievi e ricostruzioni, il vivaista sarebbe stato ucciso a colpi di pietra mentre stava lavorando. Aggredito alle spalle, la vittima avrebbe cercato di difendersi dopo il primo colpo ricevuto alla nuca. Nessuno però, nel vicinato, avrebbe sentito urla o rumori sospetti provenire dalla serra.

Inspiegabile anche il movente del cruento omicidio: potrebbe trattarsi della vendetta di un conoscente, di una lite degenerata o del raptus di qualche sconosciuto. Gli inquirenti, al momento, non escludono nessuna pista.

Resta da stabilire ancora l'ora precisa della morte di Spadari, informazione che dovrebbe arrivare dall'autopsia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Diabete e festività: come scegliere i cibi senza rinunce

  • Schianto contro un'auto mentre torna da lavoro, muore operaio 49enne

  • Picchia un bambino per rubargli la borsa della madre: panico fuori dall'asilo

  • Torna la neve a bassa quota: stato di attenzione nella Marca

Torna su
TrevisoToday è in caricamento