Malata di cancro muore a 38 anni, cinque giorni dopo aver partorito

Demet Turkkaan ha perso la vita dopo aver dato alla luce la sua bambina. Nata in Turchia, si era trasferita nella Marca 4 anni fa. Era malata da 2 anni, il marito lavora al Cimic di Motta

Demet Turkkaan (Foto tratta da Facebook)

Un'altra giovane mamma sconfitta dalla malattia pochi giorni dopo il parto. Demet Turkkaan è morta lo scorso 22 ottobre all'ospedale di Trieste, cinque giorni dopo aver dato alla luce la sua bambina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riportato da "La Tribuna di Treviso" Demet era nata a Smirne, in Turchia, e dopo gli studi aveva lavorato come giornalista per la Cnn turca. L'incontro con Salvatore, soldato del Cimic di Motta di Livenza, le aveva letteralmente cambiato la vita. Nel 2015 la coppia si era sposata dopo una breve frequentazione con una splendida cerimonia nella cattedrale di Altamura in Puglia. Dopo il matrimonio la coppia si era subito trasferita nella Marca e Demet aveva rinunciato al lavoro pur di stare vicina al marito. Sembrava una vita perfetta la loro almeno fino a 2 anni fa quando alla giovane donna è stato diagnosticato un cancro. Nonostante la malattia, Demet è rimasta incinta e, nei mesi della gravidanza, ha lottato con tutte le sue forze per riuscire a dare alla luce la sua piccola, nonostante i dolori della malattia. A metà ottobre la piccola Alessia è venuta al Mondo ma la sua mamma è riuscita ad abbracciarla e conoscerla solo per pochi giorni. Il 22 ottobre il suo cuore ha smesso di battere per sempre. I funerali sono stati celebrati in forma privata nella giornata di martedì 29 ottobre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • Coronavirus: sette morti nella Marca, cinquanta in terapia intensiva

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Istruttore del Cai e lavoratore in cantina: Samuele muore a 44 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento