Stroncata da un male incurabile a soli 46 anni: il figlio le dedica una gara di nuoto

Dopo una lotta contro la malattia durata circa un'anno e mezzo, il sorriso di Emanuela Iseppi si è spento nelle scorse ore. Il figlio Matteo ha voluto nuotare in suo onore

GORGO AL MONTICANO Ha provato a resistere con tutte le sue forze, ma dopo un anno di cure e terapie sfiancanti la malattia ha avuto la meglio sul sorriso di Emanuela Iseppi, stroncata da un cancro all'età di soli 46 anni.

A Gorgo al Monticano erano in molti a conoscerla visto che da alcuni anni si era trasferita con il marito e i due figli in una palazzina di via Marconi. La sua esistenza era stata interamente dedicata alla famiglia. Tantissimo l'amore riservato al compagno di una vita, l'opitergino Graziano Marcat, e ai figli Matteo e Alessandro. Da un anno e mezzo a questa parte però, la serenità del nucleo familiare era stata minata dall'arrivo di un cancro diagnosticato a Emanuela. Una malattia aggravatasi negli ultimi mesi. Inutili le cure e le terapie disperate delle ultime settimane. Nella giornata di sabato, la donna si è spenta nel suo letto d'ospedale. Al capezzale della donna mancava il figlio Matteo, giovane promessa del nuoto trevigiano, impegnato in una gara del Tricolore di Nuoto a Roma. Quando il giovane ha appreso la notizia, essendo impossibilitato a tornare nella Marca, ha deciso di gareggiare comunque e di dedicare il suo risultato alla memoria della mamma appena scomparsa. I funerali di Emanuela si terranno martedì nel tardo pomeriggio, alle ore 18, nella chiesa di Gorgo al Monticano. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I segni evidenti di calo glicemico

  • Il piede diabetico: cure e trattamenti

  • Vince 20mila euro al Lotto e offre il caffè a tutto il bar

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: fiere e mercatini accendono l'autunno

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Malore dopo lo spinello: la causa della morte non è stato il trauma cranico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento