Maniaco alle piscine comunali molesta una ragazzina e una donna

Un 47enne trevigiano è stato denunciato per atti osceni in luogo pubblico. Avrebbe esibito le proprie parti intime a una ragazzina e a una donna, alle piscine comunali di Treviso

Con il costume abbassato in acqua, un professionista trevigiano avrebbe avvicinato una ragazzina e una donna, mostrando loro le parti intime.

A denunciare il molestatore per atti osceni in luogo pubblico, un quarasettenne di origini svizzere, è stata una trentottenne di Paese, frequentatrice abituale delle piscine comunali "Natatorium" di Treviso.

Secondo il racconto fatto dalla donna alla Polizia, mercoledì si trovava appoggiata a bordo vasca, dopo una lunga nuotata, quando le si era avvicinato il quarantasettenne. Calvo, dalla corporatura atletica, l'uomo dapprima ha intavolato una banale conversazione, ma presto avrebbe mostrato le sue reali intenzioni.

Il professionista avrebbe toccato con il piede destro le gambe della donna, che avrebbe poi notato che il nuotatore aveva il costume slacciato con una ben visibile erezione. Scossa la trentottenne è uscita dall'acqua lanciando l'allarme.

In piscina è quindi intervenuta la Polizia, che ha fermato l'uomo e lo ha condotto in Questura per la formalizzazione della denuncia. L'uomo non ha precedenti penali, ma non sarebbe la prima volta che si esibisce in piscina. Mercoledì, infatti, una ragazzina sarebbe stata avvicinata dallo stesso maniaco e nei prossimi giorni potrebbe essere sentita in Questura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento