Il maniaco di San Zeno aveva colpito già a febbraio

Spunta un nuovo caso di molestie a sfondo sessuale. Una 40enne ha denunciato di aver subito un'aggressione a febbraio. La descrizione del molestatore corrisponderebbe a quella del maniaco di San Zeno

La trentottenne aggredita alle spalle lunedì sera non sarebbe la prima vittima del maniaco di San Zeno. L'uomo, infatti, avrebbe colpito già un mese fa e con le stesse modalità.

In questi giorni, dopo l'episodio avvenuto all'incrocio tra via De Lisa e via San Zeno, il 19 marzo scorso, una donna di 40 anni ha sporto denuncia alla Questura per un'aggressione simile subita.

La descrizione fornita dalla donna sarebbe compatibile con quella del molestatore messo in fuga dalla trentottenne. Sul caso la Squadra Mobile ha avviato un'indagine parallela a quella portata avanti dai Carabinieri e, in attesa del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica che si svolgerà in Prefettura lunedì 26 marzo, ha intanto attivato controlli straordinari nella zona.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il piede diabetico: cure e trattamenti

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: fiere e mercatini accendono l'autunno

  • Virus incurabile, cantante trevigiana muore a 51 anni

  • Frontale tra auto lungo la Postumia: 5 le persone ferite, una è grave all'ospedale

  • Dispositivo anti telelaser in auto, maxi multa per un 32enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento